Sentinel

The Sentinel Locandina

The Sentinel
USA 1977

regia: Michael Winner      durata: 92min
cast: Cristina Raines – Eli Wallach – Martin Balsam – Chris Sarandon – Ava Gardner – John Carradine – Burgess Meredith – Christopher Walken – Beverly D’Angelo

Allison (Cristina Raines) è una top model all’apice del successo che, per essere più vicina al suo ambiente di lavoro ed “allontanarsi” dalle pressanti richieste del suo fidanzato (Chris Sarandon) avvocato di grido che vorrebbe sposarla, prende in affitto un appartamento in un affascinante palazzo a Brooklin.
Sentinel_1977A detta dell’agente immobiliare (Ava Gardner), l’intero palazzo è disabitato ad esclusione di un innocuo prete cieco (John Carradine) che vive all’ultimo piano mansardato e passa le sue giornate affacciato alla finestra…ma con suo disappunto, Allison scopre che proprio sotto di lei abita un curioso ed invadente vecchietto (Burgess Meredith) insieme al suo gatto e ad un canarino, senza contare la coppia di lascive lesbiche (Beverly D’Angelo e Deborah Raffin) al terzo piano ed altri inquietanti personaggi che non fanno altro che ronzarle attorno.
Dal suo ingresso in quella casa l’emotività della modella aumenta in maniera esponenziale: strani rumori ed ombre in movimento le turbano il sonno, orribili ricordi sepolti della sua infanzia tornano a riaffiorare e snervanti svenimenti la colpiscono nei momenti più impensati. Oltretutto sente il fiato sul collo per la presenza indagatoria di due detective della polizia (Christopher Walken e Eli Wallach) che nutrono seri dubbi sulla morte “naturale” della precedente moglie del suo fidanzato.the-sentinel_ghostdad
Contemporaneamente, il Vaticano entra in agitazione per qualcosa che sta accadendo proprio a New York e Monsignor Franchino (Arthur Kennedy) viene messo in allarme da un prete della Fratellanza (Josè Ferrer)  sugli avvenimenti del palazzo di Brooklin.
Qual’è il legame? E cosa c’entra in tutto questo Ellison Parker?
thesentinel_Allison
Negli anni ’70, dopo il successo di pellicole come “Rosemary’s Baby” (1968 – Roman Polansky) e “L’Esorcista” (The Exorcist – 1973 – William Friedkin) il Cinema gioca ancora come carta sicura l’Horror “Demoniaco“; Italia, Spagna ed USA producono una discreta pletora di film con possessioni, presenze demoniache e case infestate, dove il Diavolo la fa da padrone e Michael Winner, già reduce da “Improvvisamente, un uomo nella notte” (The Nightcomers – 1971) inquietante prequel con Marlon Brando del diabolico “Giro di Vite” (The Turn of the Screw – 1898) dello scrittore Henry James (da cui vennero tratte decine di versioni filmiche), non si lascia sfuggire l’occasione per affondare un nuovo colpo con The Sentinel, pellicola confezionata praticamente in “casa”. Tratta dall’omonimo romanzo di Jeffrey Konvitz e sceneggiato a quattro mani da Konvitz e Winner, la storia coinvolge un po’ tutta la fenomenologia sul genere con risultati un po’ altalenanti, ma di tutto rispetto.
Nonostante sia stato trattato dalla critica come un prodotto di “serie B”, Sentinel rientra ormai nella categoria dei Classici di culto ed è qualitativamente superiore alla stragrande maggioranza di film con la stessa tematica prodotta negli ultimi 15anni, senza contare il sontuoso impiego di star per la realizzazione. Oltre a quelli già citati, infatti, nel film appaiono attori come un giovanissimo Jeff Goldblum, Hank Garrett, Jerry Horbach, e molti altri.

Sentinel all’epoca suscitò molte polemiche per lo “sfruttamento” di numerosi freaks e persone affette da gravi patologie e/o menomazioni utilizzate nel ruolo delle anime dannate che infestano la casa.

giudizio: Brrrr! (“Per Me si va nella città Dolente…”)

♥♥♥♥♥♥

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...