Femmine Carnivore

Femmine Carnivore PosterDie Weibchen
GERMANIA/ITALIA 1970

regia: Zbynek Brynych      durata: 82min
cast: Pascale Petit – Giorgio Ardisson – Uschi Glas – Françoise Fabian – Alain Noury – Irina Demick

femmcarn 01Eva è una giovane segretaria affaticata e stressata che, sotto consiglio del suo medico, si reca in un’esclusiva clinica a Badmarin per curare gli episodici stati confusionali di cui soffre grazie alle terapie della dottoressa Barbara. La cosa che salta subito agli occhi della ragazza  è la quasi totale assenza di uomini, ad esclusione del gorillesco Adam giardiniere della clinica e del bizzarro ispettore di polizia di Badmarin, perennemente ubriaco.
centerLe donne del posto, abitanti e pazienti, hanno atteggiamenti strani ed esaltati, quasi facessero parte di una sorta di sorellanza e tentano subito di plagiare la bella Eva, affinché assecondi gli stilemi del posto; la situazione poi si aggrava con l’arrivo di Tommy e dei suoi amici, bloccati a Badmarin per un incidente d’auto ed accolti ed ospitati con eccessivo entusiasmo dall’entourage della clinica.

femmcarn 02Prima uno e poi l’altro i due amici del playboy fanno una brutta fine, immancabilmente scoperti da Eva che cerca di denunciare ogni volta gli omicidi, ma mai creduta, vuoi per l’assenza dei cadaveri, vuoi perché la dottoressa Barbara afferma che siano frutto di allucinazioni, alla ragazza non resta che tentare la via della fuga (diverse volte) fallendo miseramente.
Neanche l’incontro con Johnny, apatico giovane pieno di soldi, capitato a Badmarin nel suo vagabondare alla “ricerca di sé stesso” riesce a dare soluzione di continuità ad Eva, visto che l’uomo si lascia subito irretire dalle morbose e voraci attenzioni delle femmine del posto invece di darle un aiuto concreto…

Che fine fanno gli uomini a Badmarin?

Finale “a sorpresa”….

Mai visto film più scoordinato, assurdo e confuso….eppure così divertente! (in modo del tutto involontario, naturalmente).
Zbynek Brynych (e già il nome la dice tutta) con l’uso/abuso del grandangolo, del campo/controcampo, dei colori acidi ed i dialoghi privi della minima connessione sia linguistica che logica ricrea in piena credibilità l’atmosfera hippy della fine degli anni ’60.
Vedere Giorgio Ardisson con la cavezza dorata al collo e la camicia sbottonata annodata in vita atteggiarsi a galletto playboy è uno spasso ed assistere alle estemporanee manifestazioni femministe a Badmarin (con tanto di lancio del reggiseno e tettine al vento) è imperdibile!
vlcsnap-2012-12-25-15h22m09s240Le riprese dei tentativi di fuga di Eva sembrano ricalcate da quelle del numero 6 nel mitico telefilm “Il Prigionero”  ed inutile dire che di cannibalismo non c’è traccia visto che, per solare e sorridente ammissione della capo infermiera i corpi dei maschi vengono tritati finemente, inscatolati e veduti come cibo per gatti (sottile parafrasi per paragonare gli uomini a mera carne per porci) ed anche il film rientra un po’ forzatamente nella definizione di horror, ma noi ce lo siamo “gustato” con quell’ottica.
Lisergico, mal gestito ed inutile, ma un vero e proprio tuffo nei ’70
P.S. sulla copertina del DVD c’è scritto: Tiratura Limitata – 999 copie numerate
mi sa che le altre 998 sono ancora in magazzino!

giudizio: Sbrof! (da vedere con qualche amico dopo il pranzo di natale )

♠  …ma ilare!

die-weibchen-artikelbild(la ben poco allusiva immagine iniziale del film)
vlcsnap-2012-12-25-15h14m57s151(titoli di testa popstyle)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...