Rec 3 – Genesis

rec3-genesis-poster-locandina

[REC]³ ORIGENES – SPAGNA 2012

regia: Paco Plaza      durata: 100 min
cast: Leticia Dolera – Diego Martin – Alex Monner – Ismael Martinez – Jana Soler – Claire Baschet


ovvero: come ti butto in caciara la trilogia

Rec_3_01

Diego e Clara si sposano.
E come tutti i popoli neolatini che si rispettano fanno le cose in grande e con gustosa “burineria”, con tanto di serenata dello sposo e chiacchiere a gogo. Il tutto ripreso dall’amico cameraman e da molte telecamere degli invitati. Tra gli ospiti c’è anche il solito vecchio zio bonario e caciarone che si presenta nonostante la ferita alla mano procuratagli dal morso di un cane.
Dopo la cerimonia ed il rinfresco, tutti a ballare!
E fra risate, pettegolezzi e grandi mangiate nessuno sembra prestare attenzione allo strano comportamento dello zio…almeno fino a che questi non si getta da una balaustra in un eccesso di inspiegabile follia.
Gli ospiti che accorrono in soccorso del malcapitato vengono aggrediti e morsi dall’uomo ed in breve subiscono la rapida trasformazione in zombi/posseduti diffondendo in quattro e quattr’otto la sanguinaria epidemia antropofaga.
rec-3-genesis03Clara e Diego si ritrovano separati ma la ragazza non ha intenzione di lasciarsi rovinare il coronamento di un sogno e quello che avrebbe dovuto essere il giorno più felice della sua vita da una manciata di parenti indemoniati e carnivori e determinata (ed incazzata come una jena) comincia una sanguinaria e spietata odissea per ricongiungersi all’amato.
Ci sarà un lieto fine?

Gallery_Rec_3_03


Gli spagnoli, a quanto pare, imparano in fretta; e dagli americani hanno carpito le sottili arti del “batti il ferro finché è caldo” e del “rosicchia la bistecca fino all’osso”.
Così, ciak alla mano il buon Plaza, orfano del più paraculo Balagueró (che defilatosi dal ruolo di coregista mantiene quello di produttore…non si sa mai s’incassasse qualche euro) si cimenta nel terzo capitolo di una storia che già nella seconda pellicola aveva esaurito idee e ragion d’essere.
Al posto della claustrofobica location di un semioscuro e decadente palazzo “infestato” c’è l’ambientazione (iniziale) di una solare cerimonia di matrimonio; i dialoghi ansimanti della giornalista e del cameraman (nonché della task force) sono sostituiti dai chiacchiericci, le battute ed i pettegolezzi ubriacondi degli ospiti e il sapore acidulo della demoniaca presenza viene annacquato con della ironia a buon mercato (proprio come il vino di certi pranzi di matrimonio).
Il POV (per fortuna) sparisce dopo un quarto d’ora di film e la sposina incazzosa si strappa la gonna dell’abito nuziale (un po’ di coscia in vista non fa mai male) e, sega elettrica alla mano si trasmuta in una Alice Abernathy ispanica.
Si aggiunge lo zio ferito alla mano, tanto per fare riferimento al cane infetto del primo Rec e, per giustificare il “genesis” del titolo, si piazza un pretucolo terrorizzato che cita passi dell’Apocalisse ed il gioco è fatto. Un prequel che tutto può essere meno che un prequel.
Il film nell’insieme è ben fatto, ma la qualità del prodotto è molto di cassetta e se si fosse intitolato “la sposa contro gli zombi” sarebbe stato lo stesso; quindi che bisogno c’era di scomodarsi a fare (fiebili) riferimenti a film precedenti?

La cosa che un po’ c’inquieta è che già si parla di un REC⁴ in cantiere….oltre ad attendere con orrore l’immancabile remake americano…(sigh!)

sufficiente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...