Fairytale

fairytale_posterITALIA 2012

cast: Harriet MacMasters-Green – Sabrina Jolie Perez – Jarreth J. Merz – Matt Patresi – Paolo Paoloni – Susanna Cornacchia – Giuliano Montaldo
regia: Christian Bisceglia – Ascanio Malgarini
soggetto e sceneggiatura: Christian Bisceglia
musica: Michele Josia
durata: 92 min
RAI TRADE


fairytale_Harriet_Mac_Masters_Green_Sabrina_Jolie_PerezSofia (Harriet MacMasters-Green) e sua figlia Eléna (Sabrina Jolie Perez) si trasferiscono ad Acquatorva, cittadina dell’Agro Pontino edificata ai tempi del regime fascista successivamente alla bonifica delle paludi; qui la donna potrà continuare il suo lavoro come ricercatore agrario e riuscire finalmente a metabolizzare la separazione avuta con il marito Robert (Jarreth J. Merz), uomo dal  temperamento artistico e lo spirito vagabondo. La piccola Eléna sembra impattare diversamente questa nuova realtà: inizia a comportarsi stranamente e a parlare di una “fata dei denti” che vive nell’armadio e che pretende da lei un tributo (la bambina sta cominciando a cambiare i denti da latte) portando la ragazzina al punto da acquistare dai suoi compagni di scuola i loro dentini pagandoli con vecchie monete del ventennio fascista trovate chissà dove.
Con il tempo anche Sofia comincia a pensare che qualcosa non va. Il vicino di casa Ferri (Paolo Paoloni), un vecchio burbero e scontroso, l’ammonisce invitandola a trasferirsi quanto prima e la donna percepisce l’ostilità che regna nella casa e che terrorizza la figlia ed inizia a soffrire di allucinazioni dove le appare uno spettro di una bambina bionda.
l07Indagando Sofia scopre che un orribile fatto di sangue sporcò le pareti della casa. Poco prima della guerra un gerarca punì la moglie (colpevole di aver sorriso ad un altro uomo) strappandole tutti i denti e lasciandola morire chiusa nell’armadio che ora si trova nella stanza della bambina mentre la figlia della coppia risultò prima dispersa poi venne ritrovata sbranata da un lupo.
La tensione sale ed anche la donna si convince che “qualcosa” vive nell’armadio ed una notte ne ha l’orribile conferma. Lo spettro (Susanna Cornacchia) si manifesta ed esige nuovamente il dovuto e solo grazie ad uno stratagemma le due riescono a sfuggirgli.
fairytale_image_02E’ passato un anno e mezzo, Sofia si è trasferita e non ha mai raccontato a nessuno cosa ha visto quella notte mentre la figlia è ricoverata nell’ospedale psichiatrico di zona, muta ed assente in seguito al trauma subito. Robert riappare dopo l’ennesimo viaggio e chiede l’affido di Eléna accusando la moglie (che ha avuto precorsi di schizofrenia in famiglia) di aver portato la bambina alla follia. Poi Eléna sembra riprendersi ed informa la madre che “lei è tornata…ed è arrabbiata con me…vuole i denti…i suoi denti”.
L’incubo è appena all’inizio e Sofia non sa come fare per salvare la sua vita e quella di sua figlia.
Fairytale-2012-movie-7


Ogni tanto qualcuno ci ricorda che il cinema di genere italiano non ha l’elettroencefalogramma del tutto piatto. Questa volta è toccato a due registi esordienti (Christian Bisceglia e Ascanio Malgarini) il compito di stupirci.
Una storia con una sua originalità, che passa dalla favola nera alla ghost story con eleganza scivolando in un thriller cupo e morboso non privo di azzeccate e saltuarie scene gore; una location più che indovinata con la scelta di girare a Latina, città permeata da reminiscenze architettoniche della sua epoca di fondazione (il ventennio) e resa ancora più bianca e spettrale da una bella fotografia; attori che sanno recitare supportati da caratteristi nostrani di buon calibro ; effetti speciali e supporti digitali italianissimi e di tutto rispetto (altro che il vetusto e gommoso Stivaletti) ed una risoluzione finale della storia, con conseguente colpo di scena per niente scontato e che ti lascia con un sorrisino amaro sulla bocca.
Quasi da gridare al miracolo.
Certo, ci sono alcune ingenuità di fondo, compensate però da sprazzi di genio che fanno da silicone in maniera ottimale e, fortunatamente, l’intervento di Rai Movie è stato limitato al punto da impedire che il taglio del film prendesse l’impostazione di una fiction televisiva (grazie alle continue pressioni sul campo della Onemore).
Poco importa se il prodotto finale sia stato destinato per il mercato estero (il film ha avuto un buon successo a Cannes nel 2012 ed in seguito distribuito nelle sale Inglesi, Americane ed Australiane), cosa che si evince dalla scelta di attori stranieri nei ruoli principali, dal titolo straniero e dai titoli di testa e coda rigorosamente in inglese; quello che importa è che qualcuno abbia saputo dimostrare che gli artigli italiani sono ancora affilati e che, se messi in condizioni di farlo, ancora affettano bene.

In italia il film non è ai arrivato nelle sale ed è stato caricato su CuboVision,   usufruibile in streaming ed in seguito distribuito in DVD, questo perché “Fairytale” fa parte del progetto Web Movies della Rai 

P.S. ricordarsi di tenere d’occhio la “ONEMORE  Pictures” ed il suo film di prossima uscita “Neverlake

Discreto  E MEZZO

Annunci

4 commenti su “Fairytale

    • A suo tempo (in fase di produzione) ne avevo letto su un paio di riviste specializzate, ma poi ne avevo perso le tracce. Una visione è consigliata, poi fammi sapere.

  1. Si’, si’, si’….incoraggiamo il cinema italico!!! Adesso lo voglio vedere… Prima eaters poi questo. Ti tengo informato, ma mi fido della rece e son sicuro che mi piacera’!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...