The Theatre Bizarre

Theatre-Bizarre-Poster-ArtworkUSA – 2011

cast: Udo Kier – Tom Savini – Virginia Newcomb – Catriona MacColl – André Hennicke – Suzan Anbeh – Debbie Rochon – Lena Kleine – Kaniehtiio Horn – Guilford Adams – Lindsay Goranson
regia: Jeremy Kasten – Richard Stanley – Buddy Giovinazzo – Tom Savini – Douglas Buck – Karim Hussain – David Gregory
soggetto e sceneggiatura: R. Stanley – S. Amaris – E. Ranzani – B. Giovinazzo – J. Esposito – D. Buck – K. Hussain – D. Gregory
musica: S. Boswell – S. DiBona – P. Marchand – M. Raskin
durata: 114 min
INEDITO


Sei storie ed un filrouge che le unisce; un narratore ed un’unica spettatrice.

5a352_Theatre-Bizarre_320Theatre Guignol di Jeremy Kasten
Enola giovane artista (Virginia Newcomb) è nevroticamente ossessionata dal teatro in disuso che vede dalla finestra di casa sua e quando una notte si accorge delle luci dell’insegna accese non resiste e, irresistibilmente attratta, entra dentro la costruzione abbandonata. Al suo ingresso il teatro comincia ad “animarsi”; sul palco appare un imbonitore meccanico (Udo Kier) che inizia a raccontare storie filosofeggiando sul senso della vita e sulla morte per un pubblico composto solo dalla giovane e fantocci come lui.

The Mother of Toads di Richard Stanleycatriona_maccoll_the_theatre_bizarre
Una giovane coppia di americani in vacanza in Francia gironzola per il mercatino di un paese di montagna. Su una bancarella l’uomo, paleontologo ed occultista dilettante, riconosce degli oggetti che per forma e fattura richiamano la simbologia del culto degli Antichi. La vecchia venditrice (Catriona McCall) afferma che sono autentici e che il pantheon creato da Lovecraft è reale e non frutto di fantasia, tanto è vero che lei stessa è in possesso di una copia del mitico Necronomicon. La ragazza non sembra interessata alla cosa e preferirebbe continuare a fare shopping e poi rilassarsi in un resort, mentre l’uomo vorrebbe andare nella casa della vecchia per consultare il tomo, così, dopo una lite i due si dividono e quando si rincontreranno sarà in modo drammatico e raccapricciante.
Valida l’atmosfera, debolissima e vuota la storia (e l’hanno scritta in tre) e Lovecraft con il suo Necronomicon ci sono stati infilati a forza dentro.

i-love-youI Love you di Buddy Giovinazzo
Crisi di coppia in quel di Berlino. Lui (André Hennicke) passivo, ossessivo e possessivo; lei (Suzan Anbeh) semplicemente un po’ mignotta.
Ambientazione in interni, dialoghi pacati ma inquietanti che scorrono sul filo di un crescente disagio emotivo. Già si sa come andrà a finire, ma quando arriva il momento e i nodi vengono al pettine il colpo va comunque a segno. Un buon prodotto.

Wet DreamsTheatreBizarre3  di Tom Savini
Altra coppia che scoppia. Questa volta è lui (James Gill) ad essere uno sciovinista e puttaniere incallito e la moglie (Debbie Rochon) ne subisce le vessazioni e la violenza. Ma il karma è come un boomerang e l’uomo è tormentato da incubi a sfondo sessuale dove la castrazione è di routine, problema di cui non riesce a liberarsi nonostante la consulenza del suo psicologo (Tom Savini). Presto il marito infedele scoprirà che quelli che per lui sono incubi sono i sogni di un’altra persona.
Savini s’incarta un po’ con la trama, pastrocchiando con l’onirologia e la psicologia spiccia, comunque il prodotto è godibile e scorrevole.

theater-bizarre1The Accident di Douglas Buck
Una madre (Lena Kleine) cerca di spiegare alla figlia (Mélodie Simard) il significato della morte, e lo fa attraverso il senso della vita. Calibrato, malinconico, ponderato. In un paio di punti ci si commuove.
Fotografia e musica accentuano il valore di questa short-story.

Vision Stains di Karim Hussaitheatre-bizarren
Un’artista technomante è a caccia di storie. Si procura la vita degli altri per iniettarsela e farla sua, autoproclamandosi custode dell’esistenza umana e divenendo una tossicodipendente di vissuto. Questo finché non si spinge troppo oltre alla ricerca del significato della vita stessa. Teologicamente un po’ confuso, ma d’impatto.

Theater-Bizarre-28Sweets di David Gregory
Ancora un amore infranto. Greg (Guilford Adams) ed Estelle (Lindsay Goranson) hanno vissuto momenti intensi e dolci durante il loro rapporto basato sul feticismo culinario, ma l’idillio sembra ormai finito e l’incantesimo allo zucchero infranto. Ma Estelle sa già come utilizzare le prosperose rotondità dell’ex. Splatter, grottesco, frattaglioso ed ironico. Ottimo cul de sac per il film.
TheatreBizarre_650-thumb-630xauto-24252


Una gradita sorpresa quella di “The Theatre Bizarre” accentuata dal fatto che tenevo il film in archivio da un bel po’, senza decidermi a vederlo fino quasi a scordarmene poi, ieri sera, curiosando tra decine di film in “attesa di visione” è saltato fuori. Una pellicola che non sbandiera grandi pretese e quindi non delude le aspettative; con le sue debolezze (lo short filrouge ha un che di banalotto e lo script di “Mother of Toads” sembra scopiazzato da un episodio di Piccoli Brividi), ma che sorprende per le inaspettate artigliate che infligge raccontando orrori quotidiani (“I Love You” e “Sweet Dreams”), arrivando ad essere riflessivo ma non noioso (“The Accident”) senza negarsi una macabra risata ironizzando su bulimia e antropofagia (“Sweets”).
E non posso negare il piacere di aver rivisto sulla celluloide Catriona McCall, una delle attrici feticcio del buon Fulci e le “solite facce rassicuranti” del cinema horror come Udo Kier e Tom Savini.
Birra e Bruschetta e tv in balcone.

corvi07

Annunci

10 commenti su “The Theatre Bizarre

  1. complessivamente tra alti e bassi mi è piaciuto, ho solo provato la delusione cocente con l’episodio da cui mi attendevo di più, quello di Stanley…

  2. Speravo che qualcuno ne parlasse, perchè il trailer mi affascinava, ma non ero convinta..credo che comunque gli dedicherò una visione! E Udo Kier da solo vale la pena!

    • Benvenuta Mari!
      Nell’insieme il film è godibile e scorrevole…purtroppo per te il buon Udo in questo film è molto marginale e mostra proprio i segni dell’età! 😉

    • Bhè, pregiatissimo è un superlativo eccessivo per questo film…diciamo “gradevolmente visionabile”; mentre come aggettivo per il blog lo apprezzo e lo accetto.
      Grazie Bolla, io invece il tuo blog l’ho scoperto un paio di giorni fa!

  3. Ciao! Io l’ho visto ieri sera, per l’appunto senza aspettarmi nulla (le due sere precedenti ero incappata in due pellicole opinabili), e invece sono rimasta piacevolmente sorpresa! Quando nei primi minuti ho sentito nominare Lovecraft mi sono illuminata, anche se poi ho scoperto che non c’entrava un cavolo… però il resto mi è piaciuto! Ho apprezzato particolarmente The Accident e – su tutti – Sweets, la cui trama macabra e malata mi ha affascinata non poco.
    Ho trovato l’impianto in sé molto buono per essere un film di nicchia, anche se non tutte e sei le storie erano all’altezza, secondo me. Comunque mi ha ricordato un po’ Three Extremes (che avevo adorato) e le atmosfere intricate lynchiane, quindi direi che nel finale l’ho davvero apprezzato! Volevo vedere se c’era qualcun altro che lo valutava positivamente, visto che su Rotten Tomatoes gli hanno dato 2 stelle… quindi grazie per questa recensione! 😀
    Ciao 🙂
    Jules

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...