The Last Will and Testament of Rosalind Leigh

last-will-testament-leigh-0CANADA – 2012

cast: Aaron Poole – Vanessa Redgrave – Julian Richings
regia: Rodrigo Gudiño
soggetto e sceneggiatura: Rodrigo Gudiño
musica: Mercan Dede
durata: 80 min
INEDITO


“Se ti cade un coltello sul pavimento, un uomo verrà a trovarti.
Se invece è un cucchiaio, sarà una donna.
Se cade una forchetta, non sarà né un uomo, né una donna.”
rosalind-leighDopo tanti anni Leon torna a casa…ma non è certo felice di farlo.
Quel luogo è sempre stato per lui fucina di dolore e tormenti; una magione che più che un rifugio era una prigione, un posto da cui fuggire. In quella casa il padre, uomo di chiesa, si era suicidato provocando nel giovane Leon un sofferto senso d’abbandono ed un allontanamento dalla fede. Allontanamento, anzi, ennesima fuga, a cui aveva contribuito la madre Rosalind, fanatica religiosa che lo costringeva a periodiche torture “spirituali” con l’intento di “obbligarlo” ad un riavvicinamento alla fede.
Ma Leon non aveva mai ceduto, anche se le continue pressioni materne avevano finito per sbilanciare il delicato equilibrio psichico del ragazzo e sgretolare il legame affettivo tra madre e figlio.
LWATORL-A-tense-momentDopo anni Leon è tornato quindi, ma solo per prendere possesso dell’eredità lasciata dalla madre defunta e a fare finalmente i conti con il passato. O è il passato che deve tirare le somme con lui?
Perché Leon non tarda ad accorgersi di non essere solo tra l’accozzaglia di oggetti religiosi stipati nella casa…LWATORL_Aaron_Poole_is_Leon_Leigh
Progetto difficile quello di Rodrigo Gudiño, impegnativo e difficile sotto diversi punti di vista ma, a conti fatti il prodotto è soddisfacente.
Il film è un vero “onemanshow” (visto che della Redgrave abbiamo solo la malinconica voce fuori campo e qualche fuggevole visione rubata dalle foto sparse per la casa mentre l’inquietante Richings appare brevemente su una vecchia VHS ed un filmato caricato sul web), ma Poole nel ruolo di Leon riesce ad agire ed interagire con naturalezza con le presenze fuori campo (il vicino che passa a dargli il bentornato) e le voci telefoniche (la centralinista, il tecnico della sorveglianza e l’amica psicologa) non facendo quasi notare l’assenza fisica degli altri interpreti, aiutato, invero, dalla plasticità delle inquadrature degli interni della casa; movimenti fluidi tra gli oggetti e reliquie religiose che invadono gli ambienti e che ottengono il doppio risultato di evitare la staticità di una piéce teatrale, aggiungendo un sinistro tocco di morbosità all’atmosfera e giocando abilmente con luci polverose e giallognole ed ombre.
Ulteriore campo minato è proprio nella struttura della storia, complicata commistione tra fanatismo religioso, misticismo e psicologia. Psiche ed anima giocano un ruolo fondamentale e si muovono come pedoni sulla scacchiera della trama, fornendo ogni volta una doppia interpretazione degli avvenimenti. La presenza di Rosalind è come un triste evanescente velo che ricopre ogni oggetto della casa e cerca di avvolgere Leon e prenderne il controllo, contrastata solo dalla voce calma e lucida della psicologa (amante?) a cui l’uomo si aggrappa telefonicamente per non rimanere succube del passato.
E dietro tutto questo c’è la creatura. La bestia (il diavolo? la psiche fragile di Leon? il simbolo di una religiosità morbosa?) che dai margini del bosco si avvicina sempre di più alla casa. Presenza a suo tempo avvertita anche da Rosalind; presenza che, forse, la spinse a suicidarsi come anni prima fece il marito.
E sopra a tutto c’è l’eterno amore di una madre. Amore sconsolato per la perdita dell’affetto del figlio e amore fanatico ed ossessivo nei confronti di un credo religioso disturbato e disturbante.
Un film di difficile collocazione, che usa diverse angolazioni per raccontare una storia con un finale tanto cinico quanto coraggioso e con un’ultima inquadratura che rimescola le carte in tavola lasciando lo spettatore ad una doverosa riconsiderazione di quello che è avvenuto.
Un bravo al regista che dopo tre corti (che vertevano su argomentazioni simili) ha coraggiosamente sfidato le proprie capacità stilistiche senza apparire ambizioso.
Per questo gli perdoniamo con un sorriso il pessimo CGI con il quale è stata realizzata la creatura cedendo (per fortuna per pochi secondi) alla tentazione di mostrarla in toto.
the_last_will_and_testament_of_rosalind_leigh_a4334a30511da9f37452a27dfb5a934d

corvi07 1/2

Annunci

4 commenti su “The Last Will and Testament of Rosalind Leigh

    • Oibhò, e pensare che credevo di aver tirato giù un pasticciaccio confuso, vista la multipla chiave di lettura del film.
      Comunque grazie! 🙂

  1. Sorprendente…
    Appena finito di vedere, aspetto a leggerti per non farmi condizionare, anche perchè è un film così pregno di significanti che sarà bello scriverne. Ti citerò per averlo scovato qua. Stanotte o domattina ne scrivo, poi torno qua a leggere.
    Un saluto.

  2. Ne ho scritto subito invece e sono tornato.
    Bellissima rece Antro, sono perfettamente d’accordo su tutte le varie letture che il film ti invita a fare.
    Anche se quel discorso finale mette una riga abbastanza netta.
    Oh, strano, io ho considerato quella al telefono al ragazza ma hai ragione, non c’era nessun elemento per dir questo, anzi…
    A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...