Rammbock

600full-rammbock--berlin-undead-poster
aka Berlin Undead aka Siege of the Dead
Germania/Austria 2011

cast: Michael Fuith – Theo Trebs – Anka Graczyk – Sebastian Achilles – Emily Cox – Melanie Berke
regia: Marvin Kren
soggetto e sceneggiatura: Marvin Kren –  Benjamin Hessler
musica: “Lacrimosa” in Do minore di W.A. Mozart  Direttore d’Orchestra: Myung-Whun Chung – “Das Glück is a Vogel” di Stefan Will
durata: 63 min
INEDITO


image19Michael (Michael Fuith) è un tipo tranquillo. Basta guardarlo in faccia per capire che è un uomo senza pretese, placido e pacato, a cui la vita non ha mai riservato grosse sorprese o emozioni, a parte forse Gabi.
Gabi (Anka Graczyk) è infatti il suo amore perduto, la presunta donna della sua vita che, una volta trasferitasi in un nuovo appartamento lo ha lasciato con la baggianata della “pausa di riflessione” intenzionata a rifarsi una vita. Ma Michael stavolta non ci sta e non ha intenzione di ingoiare il solito boccone amaro con rassegnazione e con la scusa di restituirle le chiavi di casa parte da una cittadina viennese alla volta di Berlino, intenzionato a riconquistare la donna, costi quel che costi. Arrivato a casa di Gabi però, non trova la ex, uscita poco prima, ma un idraulico ed il suo aiutante intenti a riparare il riscaldamento dell’appartamento e, in un attimo, la grigia favola dell’uomo assume le tinte rosso sangue di un horror .
n5uCOUAnMDhKihcV7iVoTygVmLnL’idraulico “impazzisce” all’improvviso e si avventa con sanguinaria ferocia contro l’uomo e solo con l’aiuto di Harper (Theo Trebs), l’aiutante adolescente, Michael riesce a farla franca. I due si barricano nell’appartamento, mentre dal cortile interno del condominio iniziano a levarsi urla raccapriccianti, e dalle finestre l’uomo ed il ragazzo assistono all’assalto cannibalesco di uomini schiumanti saliva e rabbia contro vicini, parenti e amici. E’ l’inizio della fine.
Rammbock-gall2Altre persone oltre Michael ed Harper sono scampate al primo assalto degli “zombi”; altre persone isolate nei loro appartamenti; altre facce che osservano sconvolte ed inebetite dalle finestre; altri individui isolati, incapaci di comunicare ed organizzarsi.
E mentre le autorità indicono lo stato di emergenza per l’inspiegabile epidemia assassina, raccomandando alla popolazione di barricarsi, l’unico pensiero di Michael rimane Gabi, la sua folle convinzione che lei sia scampata alla strage ed il desiderio di raggiungerla e salvarla.
4994-poster-726x248


Piacevole sorpresa questo mediometraggio (poco più di 60 min.) di Marvin Kren; dopo anni di “barricamenti” in centri commerciali, basi militari, cittadine fortificate ed isole protette, si ritorna ad una visione più “intimista” del zombie survival lanciato da Romero con il suo “La Notte dei Morti Viventi” (Nigh of the living Dead – 1968). In questa tragedia formato condominiale si dibatte gente comune, egoista e spaventata; niente armi da fuoco o provvidenziali machete nei cassetti per difendersi, ma tubi di ferro e fionde artigianali (malfunzionanti) e psicofarmaci per barattare cibo. Michael è l’icona dell’uomo comune che rimane tale anche nell’ora più oscura, ma capace di piccoli eroismi proporzionati alla sua “statura” di uomo medio.
In definitiva un film spennellato con  abili tocchi di realtà per creare un minimo di credibilità ad una storia fantastica. Sapore gradevole che lascia un po’ d’amaro in bocca per la sua breve durata anche se la storia avrebbe retto tranquillamente la “botta” dei canonici 90 min.

corvi07

Annunci

6 commenti su “Rammbock

    • Segna, ma non mi prendo responsabilità….capace che a te faccia ca@@re! 🙂
      Comunque, complimenti! Commentatrice record, ho postato neanche 10 minuti fa! :-O

  1. Uataaaa ritorno col botto!!! Segno anche io, quando sento nominare la notte dei morti viventi mi si accende tutto un coso di curiosita che inizio a delirare. Immagino che anche questo sia in inglese…ma un bel filmaccio itluano per me che ne mastico poco???!?!?!?!

    • ehm…in verità il film è in tedesco! 🙂
      Ma non sai proprio come trovarli sottotitolati? Se mi contatti in pvt ti spiego come si fa! 😉
      Cmq “La Notte…” era solo un esempio citato.
      P.S. scusa ma il ” itluano” che lingua è? 😉

  2. per prima cosa ben tornato Omonero…era un po’ troppo che mancavi: sono totalmente d’accordo sulla bontà di questo mediometraggio, veramente interessante, una variazione interessante nel mondo degli zombie movies…

    • Bentrovato a te, Bradipo. Purtroppo non siamo quasi mai artefici del nostro destino, ed il mio mia ha portato lontano per un po’ dal mare magnum informatico.
      Contento di avere una parere positivo sulla mia recensione. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...