Dark Touch

dark_touch_xlgFRANCIA /SVEZIA /IRLANDA – 2013

cast: Missy Keating – Marcella Plunkett – Clare Barrett – Padraic Delaney – Robert Donnelly – Charlotte Flyvholm – Ella Hayes – Richard Dormer
regia: Marina de Van
soggetto e sceneggiatura: Marina de Van
musica: Christophe Chassol
d
urata: 91 min.

INEDITO


note_990_imageEra il 2002 e tra me e Marina de Van fu amore a prima vista…certo, lei neanche sa che esisto, ma poco importa, e a distanza di più di 10 anni, e dopo aver visto questo film, non posso che rinnovare il mio impegno d’amore nei suoi confronti. La mia non è attrazione carnale (oltretutto non è neanche il mio tipo) e non conosco molto il suo excursus d’attrice, ma sono innamorato del suo modo di scrivere il cinema e della sua capacità nel dirigere quello che crea. E quando penso al nuovo cinema francese mi viene in mente lei; a come ha saputo raccontare con intelligenza (e morbosità) il percorso di una malattia che ha rischiato di distruggerla (“Dans ma Peau” 2002) e di come ha esorcizzato il disagio dei suoi tumulti interiori rappresentandoli con una trasformazione psicofisica tutta al femminile (“Ne te Retourne pas” 2009). Morte e Rinascita…e non sempre la “rinascita” porta con sé l’evoluzione. Diversi si, ma non migliori.
Marina sa essere tagliente e delicata ed ha analizzato con precisione chirurgica il suo essere donna, racchiudendo in confini onirici le fragilità, la determinazione, le paure e le difficoltà di un tormentato mondo al femminile. Lucida ma trasognata, come in un sogno anzi, un incubo, ad occhi aperti.
107302_galCon Dark Touch ha allontanato l’obiettivo da sé stessa per puntarlo su una malattia sociale tanto insidiosa quanto purulenta e morbosa: l’abuso sui minori; e lo fa attraverso un racconto cupo narrato con immagini dirette, ma mai esplicite e ritmato da una musica ipnotica ed oscura come una ninna nanna cattiva. Per la natura degli avvenimenti ed alcune risoluzioni filmiche è facile cogliere i lontani eco di film come “Carrie” e “Come si può uccidere un bambino?”, ma il parallelismo è effimero e vago, perché quello che in realtà de Van vuole mostrarci è il doloroso “disagio” interiore di Neve (Niamh), la giovane (inconsapevole) protagonista di un dramma che affonda le sue radici nel luogo che, au contraire, dovrebbe rappresentare il porto sicuro di ogni bambino: la famiglia.
For-SeanEd i frutti che saranno generati saranno pregni di astiosa e vendicativa violenza. Neve non capisce cosa (le) sta accadendo, né può essere consapevole della sua orribile reazione di difesa in un mondo che non comprende ma percepisce come aggressivo; e come ogni buon dramma che si rispetti l’epilogo sarà un disperato gesto di espiazione per colpe mai commesse e torti ingiustamente subiti.
Probabilmente sarò di parte, ma personalmente inserisco “Dark Touch” tra le più valide darkstory dell’ultimo decennio ed un plauso va alla dolce ed inquietante Missy Keating (figlia del Ronan Keating dei Boyzone) che in alcune espressioni mi ha tanto ricordato una giovane Jennifer Connelly, ma con maggiore empatia interpretativa.
107299_gal
“Non vuoi dare il bacio della buonanotte alla mamma?….”

 Potrei scrivere ancora per ore su questo film e sulla sua genesi, ma straborderei nel nozionismo più becero ed inutile.

corvi081/2

Annunci

2 commenti su “Dark Touch

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...