The Prodigy – Il Figlio del Male

The Prodigy
USA – 2019

cast: Jackson Robert Scott – Sarah Blume – Paul Fauteux – Colm Feore – Peter Mooney – David Kohlsmith – Brittany Allen
regia: Nicholas McCarthy
soggetto e sceneggiatura: Jeff Bhuler
fotografia: Bridger Nielson
musica: Joseph Bishara
durata: 90 min.

DVD VIDEO

VALUTAZIONE:


“mi vorrai sempre bene, mamma? Qualsiasi cosa io faccia?”

Miles è un piccolo genio: precoce, intuitivo ed intelligente, ma queste sue capacità lo rendono anche schivo, timido ed incapace di interagire con i bambini della sua età.
Con il tempo questo suo volontario “isolamento” sembra portarlo ad agire in maniera strana ed a volte eccessiva ed a compiere azioni di cui non sembra ricordarsi in seguito.
Senza un apparente motivo aggredisce una compagna di classe con un martello e per poco non uccide la sua baby sitter facendogli uno scherzo crudele.

John e Sarah, i genitori, sono preoccupati (e vorrei vedere) e per questo si rivolgono ad una scuola in grado di gestire i “giovani dotati” avvalendosi di una abile psicologa comportamentale.
La dottoressa Strasser non ci mette molto a capire che non si tratta di un disturbo della personalità, ma che dietro il comportamento dissociato di Miles c’è qualcosa di più…sinistro. Qualcosa che sembra crescere dentro il ragazzino e che lo porta ad agire in maniera sadica e violenta senza un logico motivo e per questo invita Sarah a rivolgersi al dott. Jacobson, esimio collega specializzato in reincarnazione.
Seppur titubante, e di nascosto dal marito, la donna accetta spinta anche dagli atteggiamenti morbosi che il ragazzino comincia ad avere verso di lei.
La seduta con il dottor Jacobson assume toni agghiaccianti quando, sotto ipnosi, Miles comincia a parlare in un dialetto ungherese semi dimenticato e a minacciare lo stesso dottore in modo fin troppo esplicito.
C’è qualcun altro nel corpo del ragazzino, qualcuno intenzionato a distruggere l’anima di Miles per prendere il pieno controllo su di lui.


Oddio, nonostante l’andante del soggetto le potenzialità per realizzare una discreta pellicola c’erano ma, a quanto pare, il regista ha preferito viaggiare sul sicuro banalizzando i personaggi e cucinando un minestrone insipido che mischia killer seriali, possessioni e reincarnazioni. Poco credibile la psicologa che in mezza giornata decide di non avere a che fare con un semplice bambino disturbato e ancora meno credibile “l’esperto” parapsicologo che si fa mettere in  mutande dopo neanche cinque minuti di terapia, per non parlare poi della soluzione spicciola che mamma Sarah intende adottare per salvare capra e cavoli.
L’atmosfera latita e si risolve il tutto con una manciata di scare jumping piuttosto prevedibili. Miles poi sembra un fritto misto tra Damien, Brandon (il ragazzino di Brightburn) e un’altra decina di bambini cattivi che dagli anni ’70 hanno imperversato sugli schermi dai tempi di “Alice, dolce Alice” in poi.
Si può vedere? Si, ma giusto se non si ha niente di meglio da fare…

Annunci

3 commenti su “The Prodigy – Il Figlio del Male

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...