The Carpenter’s House

ITALIA – 2016

cast: Alessia Semprebuono – Selene Feltrin – Soraya Maggio – Marika Esposito – Tony Tuono – Marco Mazzola
regia: Brace Beltempo
soggetto e sceneggiatura: Brace Beltempo
fotografia: Steve Saints
durata: 78 min.

DVD VIDEO

 

VALUTAZIONE:

 


“Non preoccupatevi troiette, gireremo un video che spacca!”

Quattro ragazze di una band metallica si lasciano convincere dalla più “scellerata” di loro a girare un video musicale da pubblicare in rete in una vecchia casa abbandonata che anni prima era stata teatro di una serie di efferati e sanguinari omicidi ad opera di un folle maniaco (di cui non ci è dato sapere di più se non qualche vago accenno).
Superfluo aggiungere che le cose non andranno per il meglio: ad una ad una le sgallettate cadranno vittima di qualcuno altrettanto pazzo in un profluvio di scene splatter con generose manciate di tette e culi al vento.
L’assassino è inarrestabile e se la gode a riprendere i suoi capolavori “in working”.
Sorpresona finale.

 


E poi continuiamo a chiederci che fine ha fatto il cinema horror italiano…
Pellicoletta realizzata da un regista di clip musicali e pubblicitarie editato nel 2016 ma che la Home Movies ha trovato il coraggio di distribuire in DVD solo nel 2018. La trama? Poco importa. Recitazione indegna? Lasciamo correre.
Ma secchiate di sangue e frattaglie e scene che rasentano l’hardcore seminate qua e là con attrici, compresa quella che “recita” la parte della pudica, che sembrano caricate dai bordi dei marciapiedi della Togliatti non bastano a dare neanche un’apparenza di film di genere alla pellicola.

Che fine ha fatto il cinema horror italiano? Eccolo qua…mentre registi come Ivan Zuccon (sublime traspositore di H.P. Lovecraft) è costretto a rivolgersi all’estero per trovare una degna distribuzione….

P.S. notate come nel trailer non venga pronunciata una singola parola… chissà perché!?! (scelta moooolto saggia, a parer mio!)

Annunci

6 commenti su “The Carpenter’s House

  1. Non so perché, ma mi ha ricordato istintivamente Paganini Horror. Anzi, lo so il perché, ma lasciamo perdere… Ecco un altro buon motivo per cercarmi questo film 😀

      • Quel poco di trama che mi pare di aver capito è paro paro quella di Paganini Horror, tranne per la presenza del fantasma (see vabbè) e per l’aspetto “digitale” della cosa. Al tempo di Cozzi, com’era ovvio che fosse, il gruppo di sgallettate del film non avrebbe potuto godere del pubblico ludibrio in tutto il mondo. Mi piace quindi pensare che sia un Paganini Horror 2.0, anche se la mia sarà sicuramente una pia illusione. Ci sta che preferisca ancora Cozzi, ma insomma, mi guarderei il filmaccio anche solo per amore di verifica. Lo so, mi diverto male 😀

      • Si ma almeno “Paganini Horror” poteva contare sul cammeo (e ultima apparizione) del compianto Donald Pleasence (R.I.P.)…sto filmaccio neanche quello! Comunque appena incontro Luigi Cozzi te lo saluto e gli dico che sei una sua fan. Adesso (e non scherzo) fa il commesso nel negozio di Dario Argento “Profondo Rosso”!

Rispondi a Francesca Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...