“Settimana NON…” – NON si Sevizia un Paperino

MV5BMWNkMTMwNGYtM2E2YS00MjQzLTk5NWItNGMzMjc0MjI1NTM1XkEyXkFqcGdeQXVyMTQxNzMzNDI@._V1_SY1000_CR006091000_AL_ITALIA – 1972

cast: Tomas Milian – Florinda Bolkan – Barbara Bouchet – Marc Porel – Irene Papas – Antonello Campodifiori – George Wilson
regia: Lucio Fulci
soggetto: Roberto Gianviti – Lucio Fulci
sceneggiatura: Lucio Fulci – Gianfranco Clerici – Roberto Gianviti
fotografia: Sergio D’Offizi
musica: Riz Ortolani
durata: 103 min.

STREAMING su YOUTUBE
cecchigori
DVD VIDEO

VALUTAZIONE
buono

SETTIMANA “NON…”

EbhzKnuWsAMQOD2Strane cose succedono ad Accendurra (un piccolo paesino della Basilicata), ma si sa, la provincia nasconde più torbidi segreti delle metropoli.  
Ci sono cianare (streghe) (Florinda Bolkan) che disseppelliscono cadaveri di neonati per praticare riti esoterici, bambini che si mettono a spiare le prostitute a “lavoro” con i clienti e lo scemo del paese che si eccita a fare il guardone con le coppiette.  
Non-si-sevizia01A complicare il tutto si aggiunge la ricca e viziata Patrizia (Barbara Bouchet) in “esilio forzato” in quel posto dimenticato da Dio dal padre per farle sbollire i bollenti spiriti e stemperare gli atteggiamenti viziosi che invece sfoga esibendo la sua nudità e facendo proposte oscene ai ragazzini del posto per godere del loro evidente turbamento.
Ma qualcosa di ben più tremendo accade: nel buio della notte Bruno, un bambino del paese, viene inseguito nei boschi e brutalmente ucciso.
Il corpo non viene ritrovato, ma ai carabinieri giunge una telefonata anonima con la richiesta di 6 milioni di lire come riscatto per il rapimento.
La notizia si gonfia al punto che da Roma arriva il giornalista di cronaca nera Andrea Martelli (Tomas Milian) incaricato di indagare sul caso.
Le indagini dei carabinieri si fanno stringenti ed il “colpevole” viene presto trovato, scoperto mentre cerca di ritirare il riscatto e conduce i militari dove ha seppellito il corpo di Bruno. Si tratta di Giuseppe Barra, lo scemo/guardone che si proclama innocente ed ammette di aver trovato il ragazzo già morto e di averne occultato il cadavere allo scopo di fingere il rapimento e chiedere il ricatto. 
Portato via dalle forze dell’ordine sfugge a stento al linciaggio dei paesani.
tumblr_8cc2465ac0afcf2a39686f1155d2e0f8_7dcbbeef_500Il giornalista non sembra convinto della colpevolezza di Barra ed i fatti gli danno ragione. Il giorno successivo viene infatti ritrovato il corpo di un altro ragazzo affogato in una fontana di pietra. Gli abitanti di Accendurra cominciano a guardarsi con sospetto ed accentrano le loro attenzioni sia sulla cianara che sulla provocante e licenziosa nuova venuta.
Martelli continua le sue indagini, entrando in confidenza con il parroco Don Alberto Avallone (Marc Porel) che gli confida tutta la sua preoccupazione per le continue tentazioni a cui sono esposti i suoi giovani parrocchiani, tra riviste pornografiche, prostituzione e vizi come il fumo e l’alcol che sembra riescono a procurarsi con facilità.
EVdv9j8WsAALZAqLa conversazione tra i due viene interrotta da Patrizia che provoca entrambi giocando a fare la “puttanella” e accusando il parroco di ipocrisia ed il giornalista d’opportunismo.
Analizzando concretamente il comportamento della donna Martelli capisce che in fondo Patrizia è solo una ragazza come tante altre, annoiata dalla vita borghese costretta a vivere in città e che assume certi atteggiamenti solo per provocare il padre impegnatissimo uomo d’affari. 
La sera stessa Michele, uno dei ragazzi provocati da Patrizia con i suoi giochetti riceve una telefonata per recarsi ad un misterioso appuntamento nello stesso momento in cui Patrizia è al telefono di una cabina telefonica.
Quella notte Michele viene ucciso. Interrogata Patrizia mente dicendo di essere stata in viaggio tutta la notte e ai funerali di Michele, la madre del bambino comincia ad urlare di “avvertire” in chiesa la presenza dell’assassino proprio mentre la maciara fa il suo ingresso.
Rintracciata “la strega” grazie all’ausilio di una telecamera piazzata all’ingresso della chiesa la donna viene interrogata ed ammette in pieno delirio di aver ucciso lei i tre ragazzini perché l’avevano sorpresa mentre disseppelliva il cadavere del suo bambino morto misteriosamente anni prima (scena vista ad inizio film) e di averlo fatto con l’ausilio della magia nera. Dopo aver ascoltato la deposizione di un appuntato che aveva incontrato la maciara in un luogo diverso da quello degli ultimi delitti il magistrato la proscioglie da ogni accusa e la fa rilasciare.   
non-si-sevizia-un-paperino-florinda-bolkanGrazie alla telefonata anonima fatta dalla madre del parroco la folla inferocita scova la donna nel cimitero dove ha trovato rifugio e la uccide a colpi di pietra e di catene di fronte l’indifferenza dei presenti. Per quella gente ignorante e grezza la magia è stata la vera causa della morte dei tre ragazzi. 
Le indagini raggiungono un punto morto quando Patrizia confessa di aver effettuato la telefonata per contattare uno spacciatore di droga.
Chi è quindi l’assassino di bambini e che cosa ha a che fare con la testa staccata di un paperino di gomma (scena che non ho appositamente citato nella trama)?
La soluzione è già intuibile a metà pellicola, ma lascio a voi giungere alla conclusione.
I finali di un thriller non si raccontano mai.
Bastardo si, ma solo fino ad un certo punto!!
Non-si-sevizia-un-paperino-2Un cast di tutto rispetto per un film di tutto rispetto.
La storia è ispirata ad un fatto di cronaca chiamato all’epoca “la Strage degli Innocenti di Bitonto” dove tra il 1971 ed il 1972 vennero brutalmente uccisi 5 bambini e per quanto io ne sappia non si è ancora trovato un responsabile (sebbene molti furono i sospettati)

 
Lucio Fulci per me è sempre stato un grande punto interrogativo. Punto di domanda che non ha fatto altro che ingrandirsi dopo averlo conosciuto di persona (una decina di anni prima della sua dipartita) ed averlo frequentato in diverse occasioni. Lui stesso amava definirsi “Il Terrorista dei Generi” passando da commedie a thriller ad horror e sconvolgendone addirittura le trame.
Un regista capace di realizzare piccoli gioielli come questo “Non si sevizia un Paperino”, “Sette Note in Nero” e “Un Serpente dalla pelle di Donna” ad incomprensibili baggianate come “Il Diavolo nel Cervello” o “E tu vivrai nel Terrore…l’Aldilà” (tanto per citarne alcuni).
E’ pure vero che con il cervello non ci stava tanto…almeno quando lo conobbi io (il diabete lo minava da anni e l’abuso che faceva della cioccolata che adorava non gli era certo d’aiuto) eppure era capace di sfornare idee brillanti con piccole trovate geniali.
L’ho tanto amato quanto detestato.
Con questa pellicola ha realizzato una storia capace di toccarti nel profondo, accarezzando il tema della pedofilia (argomento proibitissimo in quegli anni) e quello di una lucida follia giustificata da una sorta di sacralità.
E qui mi fermo.


 

6 commenti su ““Settimana NON…” – NON si Sevizia un Paperino

  1. Terribile…forse uno dei pochi film che non ho più rivisto dalla prima volta…sempre da adolescente quindi …circa 10 anni dopo l’uscita..anno più anno meno .😊

  2. I film dove sono coinvolti bambini sono sempre più angoscianti degli altri, comunque il film è bello e tocca molti argomenti ancora oggi attuali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...