Cronenberg: Il Demone sotto la Pelle

IL_DEMONE_SOTTO_LA_PELLE_A4_0023_4FShivers aka They Came from Within
CANADA – 1975

cast: Paul Hampton – Lynn Lowry – Barbara Steele – Joe Silver – Vlasta Vrana – Allan Colman – Susan Petrie – Barry Baldaro – David Cronenberg (Cameo)
regia: David Cronenberg
soggetto e sceneggiatura: David Cronenberg
fotografia: Robert Saad
musica: Fred Mollin
durata: 87 min.

STREAMING
pulp videoDVD VIDEO BLU RAY

 

 

VALUTAZIONE:
buono

 

 

“L’Arca di Noè e un luogo di gran lusso, un complesso residenziale unico al mondo, ideato per difendervi dalla contaminazione e dai pericoli della città. Qui in quest’isola tutta vostra nel mezzo del fiume, niente inquinamento, niente violenze, aggressioni, delitti, immoralità: la città è vicina, ma la sua vita corrotta e corruttrice in tutti i sensi sarà sempre lontana da voi….”
large-screenshot1L’Arca di Noè (familiarmente chiamata l’Arca) è un lussuoso complesso residenziale di recente costruzione e, per chi può permetterselo, “luogo paradisiaco” in cui rifugiarsi per isolarsi dallo squallore e le “brutture” del mondo esterno.  
Completamente autosufficiente è fornita di negozi, centro commerciale, centri estetici, luoghi di svago, campi da tennis e da golf (piscina compresa) e persino di una efficiente e moderna clinica.  
shivers-1975-hobbes-dr-attack-open-scene-review-fred-doederleinPeccato che in uno di quei lussuosi appartamenti risieda anche il dr. Emil Hobbes (una sorta di scienziato genetista molto sopra le righe) ossessionato dall’idea di risvegliare gli istinti animali sopiti nell’uomo e che si dedica ad una serie di esperimenti usando come cavia Annabelle una sua paziente/cavia/amante di 13 anni inoculandole un siero ricavato da un parassita capace con le sue secrezioni di alterare le funzioni cerebrali.

Shivers 03
Resosi conto (in uno sprazzo di lucidità) di aver “creato” un mostro ninfomane con istinti cannibalistici lo scienziato uccide Annabelle e si suicida.
A scoprire l’omicidio/suicidio è il giovane dr. St. Luc direttore della clinica del complesso ed ex allievo del dr. Hobbs che però non vedeva da anni e che ignorava risiedesse nel complesso e da cui aveva ricevuto un invito a pranzo solo per ritrovarsi di fronte quel macabro spettacolo.
docIn cerca di una spiegazione per quell’insano gesto St. Luc si mette in contatto con l’amico e collega il dr. Rollin (che non risiede nell’Arca) e che collaborava con il dr Hobbs nelle sue ricerche. Rollin lo informa sui loro studi sui parassiti (ignorando però i veri scopi del professore e del fatto che usasse la sua amante -passata in fase di doppiaggio da 13enne a inizio film a 19enne verso la fine- come cavia) e si impegna ad andare a fondo sulla faccenda sfogliando tra i carteggi del laboratorio.
infCon l’aiuto dell’infermiera/fidanzata Frances, St. Luc recupera altri documenti dall’appartamento ed incrociandoli telefonicamente con quelli ritrovati dall’amico la verità viene alla luce.
 Ma il folle sacrificio umano di Hobbes è stato inutile: ormai il danno è fatto. La giovane ninfa prima di essere eliminata aveva già contaminato altri condomini che cominciano ad accusare strane sintomatologie mentre all’interno del loro corpo il verme malefico comincia a proliferare uscendo dai corpi degli infetti ed introducendosi nei più disparati orifizi degli altri residenti.
unnamedIl_demone_sotto_la_pelle

 

 

 

 

 

Intimando il collega di cercare di arginare il più possibile il contagio il dr. Rollin sale in macchina per raggiungere l’amico e tentare di tamponare per quanto possibile quell’infezione ma, St. Luc e Frances si trovano di fronte ad una mostruosità che si sta diffondendo a macchia d’olio.
Ovunque si rechino assistono a scene di violenza e sesso brutale e ai due non resta che cercare un riparo in attesa di un aiuto.

il-demone-sotto-la-pelleRollin raggiunge l’Arca sono per trovare una brutta fine ed anche Frances alla fine viene contaminata.
il-demone-sotto-la-pelle-1975-shivers-david-cronenberg-recensione-0203

 

 

 

 

 

 

L’unico rimasto immune è St. Luc che cerca inutilmente una via di fuga solo per venire trascinato in un’orgia in piscina e venire infettato dalla sua stessa fidanzata.
shivers-1829616

 

 

 

 

 

Nella scena finale del film, all’alba, i residenti dell’Arca escono con le loro auto dal complesso residenziale, rivestiti da un aspetto di apparente normalità e destinati a contaminare il resto della popolazione.
Quello che doveva essere il luogo più sicuro del mondo si rivela essere la fonte della sua definitiva perdizione.
demone_sott_la_pelle2
Terzo lungometraggio di Cronenberg ma il primo in cui vengono impiantati i semi che germineranno dando vita al “sottogenere” definito Body-horror, firma inconfondibile del regista che negli anni molti hanno emulato ma che in pochi sono riusciti ad eguagliare.
Girato quasi completamente con tonalità giallo/dorate e con una grana da film di serie B il film cominciava a delineare a grandi linee i temi principali trattati in seguito da Cronenberg: dalla contaminazione della carne, alla mutazione indotta, alla commistione di ogni aspetto della vita con il sesso e fu un vero e proprio schiaffo in faccia al pubblico ed alla critica che si videro riversare addosso scene di cannibalismo sessuale, rapporti promiscui, incesti, pedofilia e follia liberatrice di ogni costrizione e convenzione, con ritmo incalzante.
Il giornalista canadese Robert Fulford stroncò il film definendolo il più brutto visto nella sua carriera creandogli non pochi problemi per trovare futuri finanziamenti e (a quanto si dice) a causargli uno sfratto dal suo appartamento a Toronto. A salvare la situazione intervenne Rotten Tomatoes con una altissima valutazione e la ottima recensione del critico Roger Erbert che ammirò il coraggio delle innovazioni sulle tematiche proposte.
Ancora oggi il film può lasciare spiazzati per la forma esplicita di alcune scene, basti pensare al parassita dalla forma inequivocabile di un pene tumefatto, o alla bambina che trasmette il suo parassita baciando in bocca un uomo ed altre amenità del genere, ma bisogna anche ricordare che quelli erano gli anni in cui spopolavano film porno come “Gola Profonda” dove l’attrice Linda Lovelace recitava il ruolo di una ragazza che riusciva a raggiungere l’orgasmo solo praticando fellatio, visto che il suo clitoride aveva ben pensato di svilupparsi in fondo alla sua gola!
Non mancano scene volutamente grottesche, quasi al limite del ridicolo, ed è divertente ascoltare alcuni brani di trasmissioni che condannano il crescente tasso di criminalità e annunciano repressive iniziative decise dal governo per porvi rimedio diffuse da radio e televisori negli appartamenti dove si sta svolgendo ogni genere di nefandezza. Non si può dire che al regista manchi il senso dell’ironia (anche se un po’ caustica). 
Con il tempo Cronenberg crescerà e si farà più aggressivo, brutale ed esplicito nei suoi “j’accuse” a varie forme di potere e alle manipolazioni che hanno causato e causeranno nel genere umano ma, benché ancora un po’ grezzo questo per me rimane uno dei suoi film migliori!

Sempre splendida ed in piena forma Barbara Steele (anche se in un ruolo secondario) ed ipnotica e quasi aliena Lynn Lowry con la sua silhouette eterea e lo sguardo evanescente. 

 

“Settimana NON…” – NON prendete quel Metrò!

51c5advyutL._SY445_Death Line aka Raw Meat
UK – 1972

cast: Donald Pleasence – Norman Rossington – David Ladd – Sharon Gurney – Hugh Armstrong – June Turner – Christopher Lee (cameo)
regia: Gary Sherman
soggetto: Gary Sherman
sceneggiatura: Ceri Jones
fotografia: Alex Thomson
musica: Will Malone – Jeremy Rose
durata: 87 min.

STREAMING GRATIS SU YOUTUBE
QUINTO PIANO – DVD VIDEO

VALUTAZIONE:
sufficiente1/2

deathline2Non temete, non si parla della terrificante Metropolitana di Roma, ma della famosa “Tube” londinese.
Tutto ha inizio quando una coppietta nota un corpo immobile sui binari della metro ed avverte la polizia che al loro arrivo non ne trova traccia.
220_0Le ricerche partono con maggiore solerzia quando si scopre che il corpo potrebbe appartenere a quello di un uomo politico molto noto. Sviati i sospetti sull’eventuale coinvolgimento della coppia, più approfondite indagini rivelano che quello non è l’unico caso di “missing” nella “tube” (solo che prima si trattava di gente comune ecchissenefrega) e la situazione si fa decisamente più pesante tanto da far interessare l’Ispettore Calhoun (un gigionesco Donald Pleasence ) per essere di supporto al Detective Sergeant Rogers.Crypt_Deathline1_1200_654_s
e ad attirare l’attenzione de l’MI5 ( i servizi segreti britannici) facendo apparire in un rapido (quanto inutile) cameo l’agente Stratton-Villiers (Christopher Lee). Il fulcro di tutte quelle sparizioni sembra essere la stazione di Russell Square e, dando adito alle chiacchiere di un poliziotto di quartiere, sembrerebbe che quel posto risulti “infestato” da presenze sinistre: la leggenda parla di alcuni minatori rimasti intrappolati in dei tunnel crollati in epoca vittoriana e che si aggirano nei paraggi in cerca di vittime e vendetta.

raw_meat_02La realtà è molto più agghiacciante. I discendenti dei pochi sopravvissuti al crollo vivono rintanati nei tunnel facendo sporadiche sortite per procurarsi carne umana di cui cibarsi.
A trovare riscontro in questa orribile realtà è proprio la coppia di inizio film. Per uno stupido contrattempo Alex rimane nel vagone della metro che riparte, mentre Patricia resta sola sulla banchina della fermata di Holborn ed urlandosi si danno appuntamento a casa, cosa che, ovviamente, non accade.  
Patricia viene assalita dal cannibale ( a cui nel frattempo è morta la compagna antropofaga) e trascinata all’interno del dedalo di tunnel in rovina. Rientrato in casa Alex non trova la ragazza e preoccupato si rivolge all’Ispettore Calhoun che lo ignora con fare sprezzante. Disperato il ragazzo torna alla stazione e scopre l’ingresso ai tunnel per cercare la fidanzata.
220_rawmeat1Mentre l’uomo si fa spazio fra resti dei minatori e ciò che rimane degli avanzi umani divorati dal “mangiauomini”, Patricia cerca di comunicare con il cannibale che si rivela incapace di esprimersi ed emettere suoni ad eccezione della frase “Attenti alle porte!”.
Frustrato dal tentativo di fuga della ragazza il cannibale l’aggredisce proprio mentre Alex li raggiunge ed ingaggia con lui una furiosa lotta dove il mostro rimasto ferito ha la peggio e si da alla fuga.
In preda ad un ripensamento Calhoun con altri agenti si reca sul posto ed ispezionando i cunicoli trova un locale dove sono accatastati su letti a castello i cadaveri dei sopravvissuti al crollo avvenuto un secolo prima. Tra di loro c’è anche il corpo sanguinante del mostro che esalando un ultimo respiro chiude gli occhi e muore.
Recuperati Alex e Patricia i poliziotti lasciano i tunnel e tornano alla stazione.
Appena arrivati ai binari il cannibale riapre gli occhi e urla “Attenti alle porte!” mentre cominciano a scorrere i titoli di coda.
Raw3Che dire? Un film con i suoi pro e contro, che riesce a creare tensione e claustrofobia in alcuni momenti, miscelandosi con del sano black humor britannico; a volte però le cose cozzano tra di loro ed il ritmo rallenta per riprendere con inaspettate accelerazioni. Ancora incomprensibile l’irrilevante ed inutile presenza flash di Christopher Lee nella storia ed il finale sembra un po’ tirato via. In America la pellicola venne distribuita dalla AIP con il titolo “Raw Meat”.
Ai suoi tempi il film ebbe un discreto successo sia all’estero che in Italia (nonostante la brillante scelta del titolo) tanto è vero che la frase “Attenti alle porte!” che veniva gridata dai controllori all’esterno delle fermate della metro inglese divenne una sorta di leit motiv tra i giovani.
Vero però che questo “Non prendete quel Metro’!” si è rivelato un ottimo banco di prova per il regista Gary Sherman che nel 1981 dirigerà l’ottimo “Morti e Sepolti” (Dead and Buried) a cui sicuramente dedicherò una recensione.

Rintracciate il film e…“Attenti alle Porte!”

Scarce

Film Title: ScarceCANADA 2008INEDITO

regia: Jesse T. Cook – John Geddes     durata: 93min
cast: Steve Warren – Gary Fischer – Thomas Webb – John Geddes – Jesse T. Cook – Chris Warrilow

scarce 01

Dustin, Owen e Trevor sono tre sfigatelli (neanche più tanto ragazzini) che dal New Jersey si avventurano fino in Colorado (Aspen, i suppose) per snowboardare per tutto il weekend e terminare in bellezza con un bel nightparty a base di birra, droghe e fighette siliconate. Quando si tratta di rientrare alla base però, s’imbattono in una bella e polposa tempesta di neve che li obbliga ad abbandonare l’autostrada ed inoltrarsi nel profondo Tennessee. “Grazie” alle indicazioni di un gruppo di buzzurri (i rednecks citati nel poster) i tre si perdono definitivamente ed hanno un bell’incidente nel mezzo del nulla.
Trevor si ritrova immobilizzato nell’auto con una gamba rotta, quindi tocca a Dustin ed Owen avventurarsi nella tempesta in cerca d’aiuto.

scarce_2

Fatti un paio di chilometri i due trovano una vecchia casa abitata da Ivan, un vecchio cacciatore dallo sguardo folle che, naturalmente, non ha telefono né usufruisce di corrente e altre comodità, ma si offre di aiutarli a recuperare l’amico ferito.
Tornati all’auto Trevor è scomparso (ma và?), ma Ivan li rassicura affermando che sicuramente il loro amico è stato soccorso da Wade, altro cacciatore che vive a pochi chilometri.
Dopo aver cenato con della carne dall’aspetto inquietante e brodoso i due accettano l’ospitalità di Ivan con la speranza che nel frattempo la tempesta si plachi e che al mattino possano recuperare Trevor e tornare alla civiltà. (sssi, vabbhè…)
Al mattino amare sorprese li attenderanno.

Scarce 03

Letteralmente Scarce significa  scarso, raro, insufficiente ed il riferimento dei registi (nonché sceneggiatori di questo popò di film) era nella scarsità di cibo che spinge i nostri cattivoni (Ivan e Wade) a dedicarsi con scrupolosa dedizione al cannibalismo; personalmente trovo più appropriato designargli il significato di inadeguato, insufficiente e riferito al film in sé stesso.

Una pellicola girata con una mano sola (anzi, senza mani) letteralmente scarsa in tutto: recitazione, trama, suspence e fotografia (anche se le locations avrebbero meritato maggiore attenzione), per non parlare dello slasher che rasenta l’infantile ed il ridicolo.
E pensare che per girare questo capolavoro ci si sono messi in due!
Sinceramente non si capisce dove il film voglia andare a parare: troppo rozzo e tirato via per essere un omaggio al cinema di genere anni ’70, troppo lacunoso e serioso per essere considerato una black comedy, in realtà sembra più una pellicola girata per scommessa da due cazzoni senza arte né parte e con qualche migliaio di dollari da buttare via.
Al confronto i vari Wrong Turn et similia assurgono a capolavori!

“molto presto passerete attraverso il mio corpo, e non sarete altro che la mia merda” Ivan

E pensare che Scarce è rimasto per moooolto tempo archiviato nel mio hard-disk, chissà cosa mi ha detto la testa ieri sera!

giudizio: Sblargh! (uno di quei casi in cui è un bene che un film sia inedito)