Devil Seed

1121029_Enlarged_1aka The Devil in Me – USA 2012

cast: Vanessa Broze – Michelle Argyris – Kevin Jake Walker – Shantelle Canzanese – Wayne Conroy
regia: Greg A. Sager
soggetto e sceneggiatura: Geoff Hart – Greg A. Sager
musica: Aaron Gilhuis
durata: 103 min
 il-logo-di-01-distribution-77351_thumb


Prologo: 1972 – Qualcosa va storto durante un esorcismo ed un pretino fa fuori a pugnalate la giovane posseduta per porre fine alla questione.

MichelleArgyris4Oggi: Alex (Alexandra) ha momentaneamente abbandonato gli studi per assistere la nonna malata ed al suo ritorno la sua migliore amica Jessie (Jessica) la informa che insieme a Brie (Brianne) hanno trovato un nuovo appartamento da condividere, più grande, più economico e più vicino all’università.
Quello che Alex non sa è che il suo fidanzato Brian se la spassa (di nascosto) con Brie e che la casa nasconde qualcosa di sinistro (o forse no).
Dopo una notte brava in discoteca Alex e Jessie, ubriache come due scaricatori di porto, s’infilano in un negozietto per farsi predire il futuro da una veggente, che dopo aver strabuzzato gli occhi da rana intima ad Alex di stare attenta perché LUI l’ha scelta ed ormai è la predestinata per un orrendo fato.
Ovviamente il giorno dopo nessuna delle due ragazze ricorda distintamente cosa è accaduto la sera prima e così la vita riprende il suo normale corso, con Alex che sente rumori nei muri della casa, segue le lezioni scarabocchiando simboli cabalistici sui libri, vede forme spiritiche che l’ammoniscono sull’imminente avvento del Male mentre Brian continua a scopicchiarsi l’amica Brie, visto che Alex tiene tanto a mantenersi pura e vergine.
Devil-Seed-2012-Movie-Image-1
Quando però la ragazza comincia a camminare di notte per casa in uno stato di trance, parlando con la voce di un muratore cingalese e leccando la propria urina sul pavimento, Jessie comincia leggermente a preoccuparsi  e chiede aiuto ad un professore (presumibilmente psicologo) che, guarda caso, si rivela essere il figlio del pretino (ormai anzianotto) visto nel prologo del film.
vlcsnap2013012323h25m23
Da questo punto in poi, caos assoluto: carezze artigliate da mani invisibili, possessioni acrobatiche con passeggiate su muri e balaustre, omicidi, fughe, suppellettili che volano e stupri demoniaci.

Che Dio perdoni il Male scatenato da questo film!


Vedendo Devil Seed si ha la netta impressione che mentre gli attori (ma è un parolone) recitavano il regista si stesse facendo un tresette con la costumista e l’operatore girasse con la destra, mentre con la mano sinistra teneva stretto un sandwich di pollo.
Tralasciando la recitazione patetica, la banalità dei dialoghi e stendendo un velo pietoso sulla piattezza delle inquadrature quello che lascia più sconcertati è la trama. Una storia che prende cento direzioni diverse e dopo un paio di minuti si perde nel nulla più assoluto.
Oscuro è il senso del prologo (non sapremo mai chi era la povera disgraziata pugnalata e perché il pretino era ricorso ad una soluzione così estrema); all’inizio sembra che la casa sia il perno focale del Male, ma poi ci si deve ricredere quando la cartomante afferma che Alex è una “predestinata” e che il Maligno la tiene d’occhio già da un bel po’, poi quando crediamo che la possessione sia lo scopo ultimo del diavolazzo scopriamo che in realtà se la vuole insifonare perché è pura e vergine e quindi perfetta per procreare un Anticristo nuovo di zecca.

Ma gli enigmi più disturbanti e misteriosi sono: che cacchio di fine ha fatto Brian dopo essere scappato dalla casa lasciando la fidanzata a farsi strapazzare dal diavolo?
vlcsnap2013012323h25m19e soprattutto…come faceva un farloccone del genere a stare insieme ad una gnocca come Alex e a portarsi a letto una topona come Brie?
MichelleArgyris1
vanessabroze
….e pensare che per scrivere una storia del genere ci si sono messi in due…

pessimo