Let Her Out

USA – 2016

cast: Alanna leVierge – Nina Kiri – Adam Christie – Michael Lipka – Brooke Henderson – Kate Fenton
regia: Cody Calahan
soggetto: Cody Calahan – Adam Seybold
sceneggiatura: Adam Seybold
fotografia: Jeff Maher
musica: Steph Copeland
durata: 90 min

DVD VIDEO

VALUTAZIONE:

 


“Tu non sai da quanto tempo sto aspettando…ora tocca a Me!”


Helen è una ragazza dal passato “problematico”; figlia di padre ignoto e di una madre prostituta morta suicida quando era incinta di lei è cresciuta senza punti di riferimento e legami affettivi ma ora a 23 anni sembra aver trovato un suo seppur fragile equilibrio. Sbarca il lunario come biker/corriere, flirta con un artista ambiguo e divide l’appartamento con Molly l’amica di una vita,tutto questo fino al giorno dell’incidente a seguito del quale si risveglia in un letto d’ospedale con un braccio rotto ed un preoccupante trauma cranico…e non solo.
Strane ed aggressive allucinazioni e preoccupanti vuoti di memoria la costringono ad effettuare nuove analisi che rivelano un tumore nascosto nel suo cervello, ma non uno qualsiasi, bensì una neoplasia causata dal gemello portato in grembo dalla madre. Un gemello che Helen ha inconsapevolmente “divorato” e assorbito per sopravvivere al suicidio della genitrice.
A quanto pare il trauma dell’incidente ha risvegliato il grumo tumorale e  la ragazza dovrà sottoporsi ad un’operazione per asportarlo e sopravvivere.
Ma la “gemella” non sembra essere della stessa opinione.


Trama “fumosa” portata avanti senza molta convinzione, con spunti lasciati cadere nel vuoto senza voglia di approfondirli per una storia per nulla originale che ha rubacchiato da altri cento film *basta citare “L’Uomo che Uccise se stesso” (1970), “Chi è L’Altro” (1972) ed il più saccheggiato “La Metà Oscura” (1993)*.
Di certo non ne sarebbe uscito un capolavoro, ma un maggiore impegno lo avrebbe reso più fruibile ed accettabile ma il regista ha preferito dedicarsi a noiose e inconcludenti riprese notturne e scoordinati “flashpoint” montati un po’ a ca@@o per i nevrotici cambiamenti di personalità di Helen.
Tutto è accennato e niente approfondito, a partire dai problemi con il sesso della ragazza e alle “origini misteriose” del padre…un po’ come a voler finire in fretta il film.
La sufficienza è raggiunta solo grazie all’impegno delle protagoniste Alanna LaVierge (Helen) e Nina Kiri (Molly) che provano a dare un pizzico di sale a questo brodino crepuscolare decisamente insipido.

 

Annunci

BLACK SPOT

ZONE BLANCHE – FRANCE 2018/2019

cast: Suliane Brahim – Laurent Capelluto – Camille Aguilar – Hubert Delattre – Samuel Joy – Renaud Rutten – Naidra Ayadi
regia: Julien Despaux – Thierry Poiraud
soggetto: Mathieu Missoffe
sceneggiatura: Antonin Martin-Hilbert – Florent Meyer – Sylvie Chanteux – Juliette Soubrier
fotografia: vari
musica: Thomas Couzinier – Frédéric Kooshmanian
durata: 2 stagioni – 16 episodi – 52 min. circa

 

VALUTAZIONE:

 


“Questo posto deve tutto alla foresta. Lei ci protegge, ci sfama, ci cresce…ma a volte chiede dei sacrifici…”

Villefranche (traducibile come città di confine) è una cittadina nel buco del culo della Francia, costruita alle pendici dei Vosgi a ridosso di un’antichissima foresta.
Come se non bastasse Villefrance è al centro di un Black Spot (Zone Blanche), zona soggetta a continue interferenze elettromagnetiche che rendono difficili le comunicazioni disturbando computer, cellulari e la stessa distribuzione elettrica isolando ancora di più il posto dal resto del mondo. Temperature che arrivano a -30° d’inverno e a 40° d’estate e un indice di criminalità 6 volte superiore alla media non rendono il posto una attrazione per i turisti e gli abitanti tirano a campare grazie ad
una miniera di proprietà della famiglia Steiner.
A cercare di mantenere una apparenza di ordine e legalità c’è il maggiore della Gendarmerie Laurène Weiss aiutata da due colleghi ed una recluta.
In questo clima a dir poco “ostile” approda Franck Siriani, un Procuratore “esiliato” per comportamenti poco etici e che accetta suo malgrado il trasferimento con la speranza di potersi riabilitare e fare ritorno a Parigi dopo aver mandato a gambe all’aria gli affari illeciti della famiglia Steiner.
Siriani non tarderà molto a scoprire che ogni singolo abitante di Villefranche (Laurène compresa) ha dei segreti da nascondere, senza parlare delle cose strane ed inquietanti che accadono nella foresta; avvenimenti così sinistri da rasentare il soprannaturale.
Impressioni a caldo (viste le temperature di questi giorni). Tolta l’inevitabile lentezza di alcuni episodi di passaggio la serie risulta ben girata e l’ambientazione azzeccata e valorizzata grazie ad una fotografia “umida e nebbiosa”. I personaggi sono caratterizzati con cura e la sottotrama della “creatura nella foresta” acquista spessore con il passare degli episodi senza risultare troppo invadente.
Non rivelo troppo della trama e degli scheletri negli armadi degli abitanti di Villefranche perché un serial vive di questo, ma basterà vedere un paio di episodi per capire che non si tratta di una mera paccottiglia  american style.
Ci sarà una terza serie? I presupposti ci sono tutti, compresi i fili non ancora sciolti su alcuni misteri che incombono sulla cittadina, ma l’ultima parola spetta a France2 che è in attesa di vedere i risultati degli ascolti sui vari canali streaming su cui ha spalmato il suo prodotto. 

Io tifo per Black Spot anche per la simpatia verso la psicotica Laurène e l’ipocondriaco Siriani…e anche per il gendarme gay Nounurs (un omone barbuto dalla grande sensibilità) ed il suo porcellino d’India.

Cernunnus ritornerà…per punirci”

 

Haunt

haunt-posterUSA – 2013

cast: Liana Liberato – Harrison Gilbertson – Carl Hadra – Jacki Weaver – Ione Skye – Danielle Chuchran – Sebastian Barr – Brian Wimmer
regia: Mac Carter
soggetto e sceneggiatura: Andrew Barrer
fotografia: Adam Marsden
musica: Reinhold Heil
durata: 85 min.
INEDITO

VALUTAZIONE:
corvi061/2


“…ogni storia di fantasmi comincia con una casa e una tragedia…”

vlcsnap-2014-05-07-11h39m53s24

PROLOGO: Frank Morello è un uomo distrutto dal dolore; distrutto e disperato. Come gesto estremo per la tragedia che ha colpito la sua famiglia tenta un ultimo contatto  con i suoi cari con l’EVP (fenomeno delle voci elettroniche)…inutile dire che l’esito sarà drammatico ed aggiungerà sofferenza alla sofferenza.
STACCO
E’ passato un po’ di tempo, la dotvlcsnap-2014-05-07-19h37m34s213t.ssa Janet Morello, unica sopravvissuta a “la maledizione dei Morello“, ha venduto casa e la dinamica famiglia Asher ne ha rapidamente preso possesso,  ansiosa di far affondare le proprie radici in quella splendida magione sperduta nella campagna. L’unico che non sembra entusiasta della scelta è il primogenito Evan, adolescente sensibile, timido e, di conseguenza, schivo che accetta il cambiamento per amore dei genitori e perché, in fondo, trova quella specie d’isolamento abbastanza congegnale al suo carattere.
haunt-01Ma non serve essere particolarmente “sensibili” per capire che in quella casa aleggia una strana atmosfera: Sara, la secondogenita, è nervosa ed un filo paranoica, mentre Anita, la più piccola degli Asher comincia ad isolarsi ed intrattiene lunghe ed enigmatiche conversazioni con un’amica immaginaria. E poi ci sono gli strani sogni di Evan ed i rumori che sente provenire dallo stanzino della sua camera.
A complicare le cose si aggiunge Sam (Samantha), splendida e triste ragazza, figlia di un uomo alcolizzato e manesco e che ha l’abitudine di riparare tra le mura di casa Morello (quando erano disabitate) per sfuggire alle insidiose attenzioni del padre.
Tra Evan e Sam è subito amore e sintonia. I due trovano rifugio l’uno nell’altra ed insieme sviluppano una sorta di coraggio collettivo che li spinge a voler indagare più a fondo sulla maledizione che grava sulla casa.
Una volta trovata la radio galvanica utilizzata da Frank Morello per evocare i suoi cari, Evan e Sam apriranno porte che avrebbero dovuto rimanere chiuse, scatenando una sinistra e soprannaturale reazione a catena.
hinh_anh_nha_ma_haunt__32 
E’ vero, niente di nuovo sotto il sole e, se vogliamo dirla tutta, la storia è un po’ fumosa e confusa e la sceneggiatura ha degli strappi mal rammendati, però…

Però il buon Mac Carter, alla sua prima regia, la buona volontà ce la mette, sopperendo così alla mancanza di malizia cinematografica e confezionando un prodotto onesto basato sull’atmosfera ed una fotografia intrigante e sfruttando con intelligenza i momenti di maggior tensione, supportato dalla buona recitazione di Gilbertson (già navigato nonostante la giovane età) e dall’affascinante presenza della Liberato (stella nascente con buone prospettive per il futuro).
Un’ordinaria e comune storia di fantasmi, ma come dice il vecchio Stephen King: “alla fine non è importante cosa racconti, ma come lo racconti” e chissà, forse con un po’ più d’esperienza Mac Carter un giorno ci sorprenderà…
Per il momento questo “Haunt” si rivela un più che sufficiente intrattenimento per un’ora e mezzo di brividi e mistero, quindi, diamogli fiducia, vista l’immondizia che ci continuano a propinare filmakers più esperti ed affermati di lui.
29700


Haunter

haunter-01CANADA – 2013

cast: Abigail Breslin – Stephen McHattie – Michelle Nolden – Peter Outerbridge – David Hewlett – Samantha Weinstein
regia: Vincenzo Natali
soggetto: Brian King
sceneggiatura: Brian King – Matthew Brian King
fotografia: Jon Coffin
musica: autori vari
durata: 97 min.
INEDITO


Haunter_Banner_1_3_10_13SPOILERAZZI QUA E LA’

Avere 16 anni può essere una cosa orribile per un adolescente, ma Lisa (Abigail Breslin) ha scoperto che esiste qualcosa di peggio: non compierli mai.
E’ una settimana che la ragazza si sveglia e, insieme alla sua famiglia, rivive la vigilia del suo sedicesimo compleanno, compiendo le stesse identiche azioni del giorno precedente e di quello che verrà; intrappolata nella casa avvolta da una fitta nebbia, con il padre (Peter Outerbridge) che tenta di riparare l’auto giù in garage, la madre (Michelle Nolden) che la spedisce in cantina a fare il bucato ed il fratellino Robbie (Peter DaCunha) che gioca le sue interminabili partite a Pacman o fa cacce al tesoro con l’amico immaginario Edgar.
E poi ci sono i maccheroni al formaggio per pranzo, l’esercitazione con il clarinetto e “la Signora in Giallo” la sera dopo cena.
Tutto uguale; tutto angosciosamente, tediosamente, identico.
Haunter-1 (1)Inutile anche cercare di portare alla ragione i genitori rendendoli consapevoli di quel folle loop temporale, tanto ogni volta non le credono e la mattina dopo si è di nuovo da capo.
E poi, poi c’è anche altro….anzi c’è “qualcos’altro” e “qualcun altro”. Qualcosa che ha iniziato a manifestarsi quando Lisa ha preso coscienza dell’allucinante situazione in cui vive, o meglio, sopravvive. Rumori, segnali, suoni e voci. E c’è la presenza; diabolica, oscura e ostile che la respinge, che cerca in tutti i modi di ripristinare quel macabro rondò esistenziale. Una entità maligna che vuole mantenere il controllo sulla vita di Lisa e dei suoi cari.
Haunted PhotoE come ciliegina sulla torta c’è la cosa più irritante di tutte: la consapevolezza che sia lei che la sua famiglia sono decisamente, irrimediabilmente e fantasmaticamente morti.
Haunter-2013-Movie-Image-5Non c’è niente da fare; sia che si tratti di ipertecnologiche prigioni laboratorio (Cube – 1997) o tesseratti mentali di pseudo personalità stratificate (Cypher – 2002) o puranco loop temporali metafisico/esoterici come in questo Haunter, il buon Vincenzo Natali mostra una vera e propria ossessione per i labirinti; una delle più antiche rappresentazioni della mente (per i filosofi) e dell’anima (per i teologi). Così, dopo aver sondato il futuro remoto e quello più prossimo il regista cambia prospettiva e s’inoltra nell’inesplorato (per lui) mondo parallelo dello spiritismo, sconvolgendone, come è sua abitudine, parametri e percorsi e costruendoci attorno il proprio labirinto fisico (le stanze della casa) e mentale (la sovrapposizione lineare delle esistenze dei diversi abitatori del posto).
Il risultato è un film debitore di pellicole come “E se Oggi…fosse già Domani” (qui) e “Amabili Resti” (2009), che fa l’occhietto all’idea di base del suo precedente, dispersivo e fantapsichico “Nothing” (2003) ripescando l’idea della casa immersa nel nulla, ma inserendola in un contesto che ha ben poco di grottesco. Come è consuetudine nelle storie di Natali, all’inizio tutto è (forse) eccessivamente complicato e criptico e gli elementi di disturbo inseriti per creare le varianti necessarie a dare sviluppo alla trama sono distribuiti con eccessiva parsimonia ma, come al solito, la mente (psicotica) del regista riesce a mettere tutte le cose al loro posto senza generare smagliature nella maglia della storia e a concedere allo spettatore anche una sorta di happy end (se così si può definire).
Raccontato così Haunter appare un film più complicato di quello che è, ma alla fine dei conti di null’altro si tratta se non di una discreta ghost story un po’ troppo infarcita di elementi, ma con buoni momenti di pathos e tensione; una storia che più che un horror sarebbe giusto definire un mistery esoterico in bilico tra il metafisico e lo psychorror. Niente di eccelso, ma un deciso passo avanti dopo lo scialbo e deludente “Splice” (2009)
Haunter-film
Una gradita sorpresa si è rivelata la giovane Abigail Breslin, vista al suo esordio nel noiosissimo “Signs” (2002) e rincontrata nel 2006 in “Miss Little Sunshine” e nel 2009 nel divertente “Benvenuti a Zombieland”. La ragazza mostra una certa poliedricità confermata dalla notevole attività cinematografica spiata su Wikipedia.
P.S. è una mia impressione o la Briesling assomiglia sempre di  più all’intrigante Karen (Amy Pond) Gillan? Specialmente nella versione rosso crinita di Haunter sembra quasi di vedere due sorelle…a parte il colore degli occhi.
amyamy

corvi07

Dark Touch

dark_touch_xlgFRANCIA /SVEZIA /IRLANDA – 2013

cast: Missy Keating – Marcella Plunkett – Clare Barrett – Padraic Delaney – Robert Donnelly – Charlotte Flyvholm – Ella Hayes – Richard Dormer
regia: Marina de Van
soggetto e sceneggiatura: Marina de Van
musica: Christophe Chassol
d
urata: 91 min.

INEDITO


note_990_imageEra il 2002 e tra me e Marina de Van fu amore a prima vista…certo, lei neanche sa che esisto, ma poco importa, e a distanza di più di 10 anni, e dopo aver visto questo film, non posso che rinnovare il mio impegno d’amore nei suoi confronti. La mia non è attrazione carnale (oltretutto non è neanche il mio tipo) e non conosco molto il suo excursus d’attrice, ma sono innamorato del suo modo di scrivere il cinema e della sua capacità nel dirigere quello che crea. E quando penso al nuovo cinema francese mi viene in mente lei; a come ha saputo raccontare con intelligenza (e morbosità) il percorso di una malattia che ha rischiato di distruggerla (“Dans ma Peau” 2002) e di come ha esorcizzato il disagio dei suoi tumulti interiori rappresentandoli con una trasformazione psicofisica tutta al femminile (“Ne te Retourne pas” 2009). Morte e Rinascita…e non sempre la “rinascita” porta con sé l’evoluzione. Diversi si, ma non migliori.
Marina sa essere tagliente e delicata ed ha analizzato con precisione chirurgica il suo essere donna, racchiudendo in confini onirici le fragilità, la determinazione, le paure e le difficoltà di un tormentato mondo al femminile. Lucida ma trasognata, come in un sogno anzi, un incubo, ad occhi aperti.
107302_galCon Dark Touch ha allontanato l’obiettivo da sé stessa per puntarlo su una malattia sociale tanto insidiosa quanto purulenta e morbosa: l’abuso sui minori; e lo fa attraverso un racconto cupo narrato con immagini dirette, ma mai esplicite e ritmato da una musica ipnotica ed oscura come una ninna nanna cattiva. Per la natura degli avvenimenti ed alcune risoluzioni filmiche è facile cogliere i lontani eco di film come “Carrie” e “Come si può uccidere un bambino?”, ma il parallelismo è effimero e vago, perché quello che in realtà de Van vuole mostrarci è il doloroso “disagio” interiore di Neve (Niamh), la giovane (inconsapevole) protagonista di un dramma che affonda le sue radici nel luogo che, au contraire, dovrebbe rappresentare il porto sicuro di ogni bambino: la famiglia.
For-SeanEd i frutti che saranno generati saranno pregni di astiosa e vendicativa violenza. Neve non capisce cosa (le) sta accadendo, né può essere consapevole della sua orribile reazione di difesa in un mondo che non comprende ma percepisce come aggressivo; e come ogni buon dramma che si rispetti l’epilogo sarà un disperato gesto di espiazione per colpe mai commesse e torti ingiustamente subiti.
Probabilmente sarò di parte, ma personalmente inserisco “Dark Touch” tra le più valide darkstory dell’ultimo decennio ed un plauso va alla dolce ed inquietante Missy Keating (figlia del Ronan Keating dei Boyzone) che in alcune espressioni mi ha tanto ricordato una giovane Jennifer Connelly, ma con maggiore empatia interpretativa.
107299_gal
“Non vuoi dare il bacio della buonanotte alla mamma?….”

 Potrei scrivere ancora per ore su questo film e sulla sua genesi, ma straborderei nel nozionismo più becero ed inutile.

corvi081/2