A Classic Horror Story

a-classic-horror-story-netflix-recensione-nerdevilITALIA 2021


cast: Matilda Anna Ingrid Lutz – Francesco Russo – Peppino Mazzotta – William Merrick – Yuliia Sobol – Justin Korovkin – Cristina Donadio
regia: Roberto De Feo – Paolo Strippoli
soggetto: Roberto De Feo – Paolo Strippoli
sceneggiatura: Roberto De Feo – Paolo Strippoli – Milo Tissone – Lucio Besana – David Bellini
fotografia: Emanuel Pasquet
musica: Massimiliano Mechelli (“La Casa” Sergio Endrigo)
durata: 95 min.

netflix-logo

VALUTAZIONE:
Discreto


Immagine1Un carpooling condiviso in cinque persone: destinazione la Calabria.
Il conducente, Fabrizio, proprietario del camper appassionato di Cinema e social network; una coppia di giovani stranieri trapiantati in Italia; un silenzioso medico di mezza età con un oscuro segreto ed una giovane dal sorriso triste ed un “fardello” che non può e non vuole condividere con nessuno.
Sopraggiunta l’oscurità causa l’alto tasso alcolemico di uno dei due stranieri che ha voluto prendere la guida ed un conseguente colpo di sonno il camper va fuori strada ed impatta contro un albero.
Al loro risveglio i cinque si troveranno con il mezzo distrutto nel fitto della boscaglia senza punti di riferimento e nessuna traccia della via che stavano percorrendo.  Attorno a loro solo alberi, il frinire degli insetti, ed un sinistro panorama d’insieme.
Dove si trovano? Perché sono lì? 
Facile, diranno i più: sono tutti morti e questa è un’esperienza onirica post decesso.
Sbagliato.
E qui mi fermo.
achs-6-1
Non farò spoiler né proseguirò nella trama perché, come recita il trailer del film:
“TI SEMBRA DI AVERLO GIA’ VISTO” 
E infatti la pellicola è un susseguirsi di omaggi e rimandi a cult come “The Wicker Man”, “Non Aprite quella Porta”, “La Casa” e ad altre pellicole di genere, ma….
“PROVA A GUARDARE MEGLIO”
prosegue il trailer, e infatti…
Immagine3Dietro il susseguirsi degli stereotipi di “Classica Storia dell’Orrore” come la casa sinistra in cui s’imbattono i cinque sventurati, la leggenda di “Osso, Mastrosso e Carcagnosso” che Fabrizio si sentiva raccontare sin da bambino e alle sinistre figure che di notte cominciano a radunarsi attorno al rifugio per dare loro la caccia c’è di più. Molto di più.
Immagine2L’orrore rimane, ma diventa concreto, ancora più crudele e…logico.
Il film ha molti difetti, ma una sua nuova forma d’originalità. I personaggi sono diversi (anche se uguali) a quelli con cui siamo abituati a confrontarci nelle pellicole horror. La recitazione a volte inciampa (specie quella del personaggio di Fabrizio che ha il pessimo vizio di sussurrare troppo e biascicare alcune frasi in un italo/calabrese di non facile interpretazione) ma, nonostante questo, ho deciso di regalargli 3 corvi.
La trama è lineare e ben costruita, la fotografia accurata, la risoluzione della storia decisamente originale e “diversa”. 
3 corvi perché dopo tanti anni ho visto finalmente una pellicola dell’orrore italiana che non mi ha fatto vergognare.
Il film va visto sino all’ultimo fotogramma (anche i titoli di coda) ed il finale vi lascerà con un senso di amarezza in bocca (non di disgusto).
Parola di Omonero.

Cronenberg: Il Demone sotto la Pelle

IL_DEMONE_SOTTO_LA_PELLE_A4_0023_4FShivers aka They Came from Within
CANADA – 1975

cast: Paul Hampton – Lynn Lowry – Barbara Steele – Joe Silver – Vlasta Vrana – Allan Colman – Susan Petrie – Barry Baldaro – David Cronenberg (Cameo)
regia: David Cronenberg
soggetto e sceneggiatura: David Cronenberg
fotografia: Robert Saad
musica: Fred Mollin
durata: 87 min.

STREAMING
pulp videoDVD VIDEO BLU RAY

 

 

VALUTAZIONE:
buono

 

 

“L’Arca di Noè e un luogo di gran lusso, un complesso residenziale unico al mondo, ideato per difendervi dalla contaminazione e dai pericoli della città. Qui in quest’isola tutta vostra nel mezzo del fiume, niente inquinamento, niente violenze, aggressioni, delitti, immoralità: la città è vicina, ma la sua vita corrotta e corruttrice in tutti i sensi sarà sempre lontana da voi….”
large-screenshot1L’Arca di Noè (familiarmente chiamata l’Arca) è un lussuoso complesso residenziale di recente costruzione e, per chi può permetterselo, “luogo paradisiaco” in cui rifugiarsi per isolarsi dallo squallore e le “brutture” del mondo esterno.  
Completamente autosufficiente è fornita di negozi, centro commerciale, centri estetici, luoghi di svago, campi da tennis e da golf (piscina compresa) e persino di una efficiente e moderna clinica.  
shivers-1975-hobbes-dr-attack-open-scene-review-fred-doederleinPeccato che in uno di quei lussuosi appartamenti risieda anche il dr. Emil Hobbes (una sorta di scienziato genetista molto sopra le righe) ossessionato dall’idea di risvegliare gli istinti animali sopiti nell’uomo e che si dedica ad una serie di esperimenti usando come cavia Annabelle una sua paziente/cavia/amante di 13 anni inoculandole un siero ricavato da un parassita capace con le sue secrezioni di alterare le funzioni cerebrali.

Shivers 03
Resosi conto (in uno sprazzo di lucidità) di aver “creato” un mostro ninfomane con istinti cannibalistici lo scienziato uccide Annabelle e si suicida.
A scoprire l’omicidio/suicidio è il giovane dr. St. Luc direttore della clinica del complesso ed ex allievo del dr. Hobbs che però non vedeva da anni e che ignorava risiedesse nel complesso e da cui aveva ricevuto un invito a pranzo solo per ritrovarsi di fronte quel macabro spettacolo.
docIn cerca di una spiegazione per quell’insano gesto St. Luc si mette in contatto con l’amico e collega il dr. Rollin (che non risiede nell’Arca) e che collaborava con il dr Hobbs nelle sue ricerche. Rollin lo informa sui loro studi sui parassiti (ignorando però i veri scopi del professore e del fatto che usasse la sua amante -passata in fase di doppiaggio da 13enne a inizio film a 19enne verso la fine- come cavia) e si impegna ad andare a fondo sulla faccenda sfogliando tra i carteggi del laboratorio.
infCon l’aiuto dell’infermiera/fidanzata Frances, St. Luc recupera altri documenti dall’appartamento ed incrociandoli telefonicamente con quelli ritrovati dall’amico la verità viene alla luce.
 Ma il folle sacrificio umano di Hobbes è stato inutile: ormai il danno è fatto. La giovane ninfa prima di essere eliminata aveva già contaminato altri condomini che cominciano ad accusare strane sintomatologie mentre all’interno del loro corpo il verme malefico comincia a proliferare uscendo dai corpi degli infetti ed introducendosi nei più disparati orifizi degli altri residenti.
unnamedIl_demone_sotto_la_pelle

 

 

 

 

 

Intimando il collega di cercare di arginare il più possibile il contagio il dr. Rollin sale in macchina per raggiungere l’amico e tentare di tamponare per quanto possibile quell’infezione ma, St. Luc e Frances si trovano di fronte ad una mostruosità che si sta diffondendo a macchia d’olio.
Ovunque si rechino assistono a scene di violenza e sesso brutale e ai due non resta che cercare un riparo in attesa di un aiuto.

il-demone-sotto-la-pelleRollin raggiunge l’Arca sono per trovare una brutta fine ed anche Frances alla fine viene contaminata.
il-demone-sotto-la-pelle-1975-shivers-david-cronenberg-recensione-0203

 

 

 

 

 

 

L’unico rimasto immune è St. Luc che cerca inutilmente una via di fuga solo per venire trascinato in un’orgia in piscina e venire infettato dalla sua stessa fidanzata.
shivers-1829616

 

 

 

 

 

Nella scena finale del film, all’alba, i residenti dell’Arca escono con le loro auto dal complesso residenziale, rivestiti da un aspetto di apparente normalità e destinati a contaminare il resto della popolazione.
Quello che doveva essere il luogo più sicuro del mondo si rivela essere la fonte della sua definitiva perdizione.
demone_sott_la_pelle2
Terzo lungometraggio di Cronenberg ma il primo in cui vengono impiantati i semi che germineranno dando vita al “sottogenere” definito Body-horror, firma inconfondibile del regista che negli anni molti hanno emulato ma che in pochi sono riusciti ad eguagliare.
Girato quasi completamente con tonalità giallo/dorate e con una grana da film di serie B il film cominciava a delineare a grandi linee i temi principali trattati in seguito da Cronenberg: dalla contaminazione della carne, alla mutazione indotta, alla commistione di ogni aspetto della vita con il sesso e fu un vero e proprio schiaffo in faccia al pubblico ed alla critica che si videro riversare addosso scene di cannibalismo sessuale, rapporti promiscui, incesti, pedofilia e follia liberatrice di ogni costrizione e convenzione, con ritmo incalzante.
Il giornalista canadese Robert Fulford stroncò il film definendolo il più brutto visto nella sua carriera creandogli non pochi problemi per trovare futuri finanziamenti e (a quanto si dice) a causargli uno sfratto dal suo appartamento a Toronto. A salvare la situazione intervenne Rotten Tomatoes con una altissima valutazione e la ottima recensione del critico Roger Erbert che ammirò il coraggio delle innovazioni sulle tematiche proposte.
Ancora oggi il film può lasciare spiazzati per la forma esplicita di alcune scene, basti pensare al parassita dalla forma inequivocabile di un pene tumefatto, o alla bambina che trasmette il suo parassita baciando in bocca un uomo ed altre amenità del genere, ma bisogna anche ricordare che quelli erano gli anni in cui spopolavano film porno come “Gola Profonda” dove l’attrice Linda Lovelace recitava il ruolo di una ragazza che riusciva a raggiungere l’orgasmo solo praticando fellatio, visto che il suo clitoride aveva ben pensato di svilupparsi in fondo alla sua gola!
Non mancano scene volutamente grottesche, quasi al limite del ridicolo, ed è divertente ascoltare alcuni brani di trasmissioni che condannano il crescente tasso di criminalità e annunciano repressive iniziative decise dal governo per porvi rimedio diffuse da radio e televisori negli appartamenti dove si sta svolgendo ogni genere di nefandezza. Non si può dire che al regista manchi il senso dell’ironia (anche se un po’ caustica). 
Con il tempo Cronenberg crescerà e si farà più aggressivo, brutale ed esplicito nei suoi “j’accuse” a varie forme di potere e alle manipolazioni che hanno causato e causeranno nel genere umano ma, benché ancora un po’ grezzo questo per me rimane uno dei suoi film migliori!

Sempre splendida ed in piena forma Barbara Steele (anche se in un ruolo secondario) ed ipnotica e quasi aliena Lynn Lowry con la sua silhouette eterea e lo sguardo evanescente. 

 

Z vuole Giocare

tRFOFqfaex5oAT9nMZZc9XqTdcD

Z aka Z wants to Play
USA – 2019

cast: Keegan Connor Tracy – Jett Klyne – Sean Rogerson – Sara Canning – Stephen McHattie – Chandra West
regia: Brandon Christensen
soggetto e sceneggiatura: Brandon Christensen – Colin Minihan
fotografia: Bradley Stuckel
musica: Brittany Allen
durata: 85 min.

STREAMING : MIDNIGHT FACTORY CHANNEL/PRIME VIDEO CHANNELS

midnight factoryDVD VIDEO BLURAY

 


VALUTAZIONE:
sufficiente
3/4

MV5BODg1OTBhNmYtNzhlNC00YWMzLWFhZGItNTcxNzM0Y2UzY2Y2XkEyXkFqcGdeQXVyMjcwMzM0OTI@._V1_Tipica famigliola americana: Kevin (marito coglionazzo tutto preso dal lavoro e con zero senso di responsabilità), Elizabeth (madre con problematiche famigliari derivate da un’infanzia difficile, iperapprensiva ed affetta da sindrome depressiva), Joshua (figlio di 8 anni, introverso, timido e riservato) e nonna agonizzante nella camera da letto al piano di sopra ( vecchia stronza causa delle problematiche infantili di Elizabeth).
Tutto nella norma, almeno per questo genere di film.
MV5BNGUwZWM3MmMtNDg5NC00NmNmLTljZGYtODkwMjYzMzgxZjRmXkEyXkFqcGdeQXVyNTY0NzUxNA@@._V1_Vista la difficoltà ad interagire con i suoi coetanei Josh si crea il suo bell’amichetto immaginario (cosa che sembra nella norma nei nuclei familiari d’oltreoceano) ed il fatto non sembra alterare più di tanto la quotidianità della casa; poi però le cose cominciano a prendere una piega un po’…inquietante.
Il bambino sembra sempre più concentrato sulla figura di “Z” (il nome del personaggio da lui inventato), comincia a pretendere che a tavola venga apparecchiato anche per lui e si isola quasi del tutto da ciò che lo circonda.
Il marito coglionazzo minimizza, la moglie paranoica esaspera la situazione e per amore di una serena convivenza decidono di portare il ragazzo da uno psicologo infantile.
MV5BNTI3NWE2YmItMzIyZi00YWIxLWJjMmMtNzgzYWQwNWIzOGZmXkEyXkFqcGdeQXVyMjcwMzM0OTI@._V1_Il Dr. Seager, naturalmente, li tranquillizza confermandogli che si tratta di un fenomeno molto più comune di quello che si pensi (forse dalle parti loro) e li congeda assicurandogli che crescendo Josh dimenticherà il suo “amico fantasma” per dedicarsi alle cose più concrete della vita. Solo quando sente il ragazzo pronunciare il nome del suo “compagno di giochi” mentre stanno uscendo dallo studio lo psicologo ha un lieve sussulto ed assume un’aria pensierosa e riflessiva.    Contrariamente a quanto affermato dal luminare la situazione tende rapidamente a peggiorare. Il ragazzo diventa brusco e irrispettoso, violento con i compagni di scuola (tanto da essere allontanato dall’istituto) e sempre più soggiogato da Z che sembra aver preso il controllo sulle azioni di Josh.
80x2GDIl giovane arriva persino a dipingere l’aspetto del suo amico sulla parete della sua stanza, una figura (non proprio rassicurante) che risveglia una vaga reminiscenza nei ricordi quasi cancellati dell’infanzia della madre, sempre più preoccupata. Il marito, au contraire, continua a cazzeggiare come se nulla fosse.
aati6Csm36Z515jBIGFZPjV7XOI 
Ad aumentare  l’agitazione della donna (forse accentuata dall’uso di ansiolitici) è anche la crescente sensazione che “qualcosa” stia realmente prendendo forma tra quelle quattro mura, mentre strani incidenti e sinistre visioni iniziano a mettere in fermento il suo stato d’animo, portandola a mettere in dubbio il suo già precario stato d’equilibrio mentale.
Il bandolo della matassa comincia a districarsi con la morte della nonna di Josh. 
Con l’aiuto della sorella Jenna, una mezza sbandata, mezza alcolizzata, mezza tossica che vive in un casolare a ridosso della ferrovia comincia raggruppare le poche cose lasciate dalla madre mentre rievocano la loro “infanzia felice” trascorsa con una donna arida ed anaffettiva che si era ulteriormente allontanata dalle figlie dopo il suicidio del marito.MV5BNWE5Y2ZlZmItYTI3Ny00Yzg4LWIyYWYtYzQ0YWUyNTM1YzdjXkEyXkFqcGdeQXVyMjcwMzM0OTI@._V1_
Appena le era stato possibile Jenna era fuggita da quell’ambiente glaciale ed anche ora non riesce a salire per dare l’estremo saluto alla tanto “amata” salma.
Rovistando nello scantinato le due trovano in uno scatolone un vecchio proiettore ed alcuni filmini che portano nel salone per dimenticarsene pochi minuti dopo.
Neanche la soddisfazione di essersi tolta il “peso” di dover assistere una donna per cui non provava alcun legame affettivo riesce a distogliere la crescente ossessione della figura di “Z” che sembra aver preso a perseguitare anche lei.
MV5BOGJlYzkxNGYtNmIxMS00MjMwLWIyNTItMzRjMTQ5ZWY5MTYyXkEyXkFqcGdeQXVyMjcwMzM0OTI@._V1_Una sera, mentre è sola in casa (ma guarda un po’) con il figlio che dorme nel suo lettuccio si ricorda dello scatolone abbandonato, riesuma il tutto e si mette a guardare i vecchi filmini di famiglia…e da lì la sconvolgente rivelazione: anche lei da bambina aveva avuto un “amico immaginario” ed anche il suo si chiamava “Z“!
E quando la voce fuori campo visivo (quella del padre) le chiede cosa farà quando Z se ne andrà si sente rispondere che il suo amico non se ne andrà mai, che rimarranno sempre vicini e che, anzi, si sposeranno!
Nel frattempo, anche quel geniaccio del dottor Seager è riuscito a riannodare alcuni fili e ricorda che, in passato, aveva avuto in cura anche Elizabeth per la stessa problematica del figlio (ecco perché il nome di Z gli era risuonato famigliare). 
MV5BZmJhODhjYjYtYzRiZC00ODMyLThmYWYtZmE1ZmU3Y2Q3NzIxXkEyXkFqcGdeQXVyMjcwMzM0OTI@._V1_FMjpg_UX1280_Contattata la donna le riporta a galla tutti i ricordi sopiti “accusandola” di essere l’inconsapevole artefice della creazione di “Z” nell’immaginario del figlio riversando su di lui tutte le sue insicurezze ed i traumi subiti nella sua disastrosa infanzia, ma Elizabeth è di tutt’altro avviso: Z è qualcosa di reale, mostruosamente e letalmente reale e sta usando Josh per costringerla a mantenere fede alla promessa che aveva fatto da bambina: vivere con lui per sempre.
Ora la donna si trova di fronte alla drammatica scelta di permettere la sistematica distruzione della sua famiglia o tener fede al legame stretto con Z.
6a0168ea36d6b2970c026bdea13820200cUn pizzico di “Haunting“, una dose di “Babadook“, una spruzzatina di “Sinister” ed il gioco è fatto….
Ma…si perché c’è un ma, anzi, più di uno. Nonostante la ripetitività di questa tipologia di pellicole ci sono alcuni punti a suo favore.
La tensione e l’atmosfera sono miscelati con una certa abilità, gli jumpscares dosati ed inseriti al momento giusto, gli attori recitano con convinzione e la storia offre diverse chiavi di lettura su cui lo spettatore può puntare la sua scelta.
Sia che si tratti di una “creazione psicotica” trasmessa di madre in figlio, un’entità maligna che ha preso di mira Elizabeth e progenie, o la materializzazione dell’incapacità generazionale di interagire che ha infettato la stirpe, questo “Z” di danni materiali ne compie parecchi (tanto per citarne uno la fine drammatica del marito cazzone, identica a quella subita dal padre di Elizabeth) e alla fine dei conti il film scorre senza annoiare alla faccia del prevedibile finale. 
Unica “grossa pecca” è stata quella sprecare un grande attore come Stephen McHattie, relegandolo al ruolo appannato ed inutile dello psicologo tanto banale, quanto privo di spessore.

Settimana “NON…” – NON Guardare in Cantina

71+D4IPPtpL._SL1109_Don’t Look in the Basement aka The Forgotten
USA – 1973

cast: William Bill McGhee – Jessie Lee Fulton – Robert Dracup – Harryette Warren – Michael Harvey – Jessie Kirby
regia: S. F. Brownrigg
soggetto e sceneggiatura: Tim Pope
fotografia: Robert Alcott
musica: Rovert Farrar
durata: 89 min.

STREAMING
cult mediaDVD VIDEO

VALUTAZIONE:
sufficiente 1/2
maxresdefault

La giovane ed inesperta infermiera Charlotte giunge nella clinica psichiatrica del dott. Stephen, dove viene accolta dall’infermiera Masters con due pessime notizie.
mastersL’originale terapia del dott. Stephens che si basava sul lasciare i pazienti liberi di circolare per l’ospedale aiutando anche nelle faccende che impegnavano il personale si era dimostrata decisamente fallimentare: infatti il dottore era rimasto ucciso a colpi d’ascia da uno dei ricoverati, mentre l’altra infermiera era stata strangolata da una delle malate solo per aver cercato di toccare il suo neonato (un bambolotto di plastica). Dimostrando un insolito (ed estremamente stupido) attaccamento al dovere Charlotte decide comunque di rimanere e riesce a convincere la reticente dottoressa a farsi assumere per aiutarla a tirare avanti la baracca. 
SGTDa questo punto in poi comincia una carrellata di personaggi a dir poco “bizzarri”
La ragazza conosce il sergente Jaffee da poco ritornato dal Vietnam e ricoverato per allucinazioni ed atteggiamenti violenti a seguito dei disturbi post-traumatici da stress, che se ne va in giro vestito da militare ad impartire ordini agli altri “coinquilini” e ad effettuare ispezioni a sorpresa nelle loro stanze.
sam
Poi fa amicizia con Sam un gigantesco omone di colore (nero – black brother)…non so più come definirlo per essere politicamente corretto… che a causa di una lobotomia adesso ha il cervello di un bambino di 10 anni e come tale si comporta.

callingham

Non può, ovviamente mancare vecchia la pazza di turno Mrs. Callighan che non fa altro che straparlare e cincischiare frasi sconnesse condite di maledizioni e presagi di morte.
Poi c’è la ninfomane, alla continua ricerca di “affetto”, la paranoica affetta da maniache di persecuzione e l’immancabile vecchio, il Giudice Oliver Cameron che sa solo ripetere il suo importante ruolo nell’ambito della Giustizia e balbettare frasi prese da judge-3
sentenze da lui emesse in passato.
La solita carrellata di personaggi che ci si può aspettare in un serraglio del genere.
Contemporaneamente cominciano a verificarsi una serie di fatti di sangue che “dovrebbero” far intuire all’infermiera che forse c’è qualcosa che non “quadra” in quel posto…
cap_DONT_LOOK_IN_THE_BASEMENT__Horror_Cult_Completo__ITA_01_21_58_09
A Mrs. Callinghan viene mozzata la lingua, in uno stanzino viene trovato il corpo carbonizzato di un operaio della società elettrica ed una delle pazienti viene uccisa con un punteruolo conficcato in un occhio. 
Tutto questo sembra “sfuggire” all’attenzione della nostra adorabile infermierina che però perde il controllo quando una delle pazienti le rivela che la dottoressa Masters è in realtà una delle pazienti dell’istituto e che il dottor Stephens è ancora vivo e rinchiuso nella cantina (quella citata nel film).maxresdefault (1)
Presa dal panico (e sarebbe pure ora) Charlotte corre nello scantinato e libera il dottore che però si rivela uno “fuori come un vaso di gerani” come i suoi assistiti e lei per forza di cose deve ucciderlo.
Solo grazie all’intervento di Sam, Charlotte riesce a fuggire dall’istituto, mentre i pazienti con un sacrosanto gesto di ribellione fanno a pezzi la falsa dottoressa Masters.
Rientrato in clinica Sam fa una vera e propria strage dando una bella ripulita a quell’ambiente malsano. 

cap_DONT_LOOK_IN_THE_BASEMENT__Horror_Cult_Completo__ITA_00_22_13_04La mia opinione? Delusione ed un po’ di noia.
A parte il titolo fuorviante, il tutto si riduce si riduce in un chiacchiericcio primo di senso dei malati, ai loro strani comportamenti (del tutto prevedibili visto il posto dove sono ricoverati) e ad una completa assenza di atmosfera e suspense che dovrebbe essere la chiave di volta di una pellicola di questo tipo.
La recitazione non è poi così indegna e la regia non è malaccio ma lo splatter è praticamente latitante (a parte che nel finale) e, sinceramente, mi aspettavo molto di più da un prodotto targato AIP.

“Settimana NON…” – NON si Sevizia un Paperino

MV5BMWNkMTMwNGYtM2E2YS00MjQzLTk5NWItNGMzMjc0MjI1NTM1XkEyXkFqcGdeQXVyMTQxNzMzNDI@._V1_SY1000_CR006091000_AL_ITALIA – 1972

cast: Tomas Milian – Florinda Bolkan – Barbara Bouchet – Marc Porel – Irene Papas – Antonello Campodifiori – George Wilson
regia: Lucio Fulci
soggetto: Roberto Gianviti – Lucio Fulci
sceneggiatura: Lucio Fulci – Gianfranco Clerici – Roberto Gianviti
fotografia: Sergio D’Offizi
musica: Riz Ortolani
durata: 103 min.

STREAMING su YOUTUBE
cecchigori
DVD VIDEO

VALUTAZIONE
buono

SETTIMANA “NON…”

EbhzKnuWsAMQOD2Strane cose succedono ad Accendurra (un piccolo paesino della Basilicata), ma si sa, la provincia nasconde più torbidi segreti delle metropoli.  
Ci sono cianare (streghe) (Florinda Bolkan) che disseppelliscono cadaveri di neonati per praticare riti esoterici, bambini che si mettono a spiare le prostitute a “lavoro” con i clienti e lo scemo del paese che si eccita a fare il guardone con le coppiette.  
Non-si-sevizia01A complicare il tutto si aggiunge la ricca e viziata Patrizia (Barbara Bouchet) in “esilio forzato” in quel posto dimenticato da Dio dal padre per farle sbollire i bollenti spiriti e stemperare gli atteggiamenti viziosi che invece sfoga esibendo la sua nudità e facendo proposte oscene ai ragazzini del posto per godere del loro evidente turbamento.
Ma qualcosa di ben più tremendo accade: nel buio della notte Bruno, un bambino del paese, viene inseguito nei boschi e brutalmente ucciso.
Il corpo non viene ritrovato, ma ai carabinieri giunge una telefonata anonima con la richiesta di 6 milioni di lire come riscatto per il rapimento.
La notizia si gonfia al punto che da Roma arriva il giornalista di cronaca nera Andrea Martelli (Tomas Milian) incaricato di indagare sul caso.
Le indagini dei carabinieri si fanno stringenti ed il “colpevole” viene presto trovato, scoperto mentre cerca di ritirare il riscatto e conduce i militari dove ha seppellito il corpo di Bruno. Si tratta di Giuseppe Barra, lo scemo/guardone che si proclama innocente ed ammette di aver trovato il ragazzo già morto e di averne occultato il cadavere allo scopo di fingere il rapimento e chiedere il ricatto. 
Portato via dalle forze dell’ordine sfugge a stento al linciaggio dei paesani.
tumblr_8cc2465ac0afcf2a39686f1155d2e0f8_7dcbbeef_500Il giornalista non sembra convinto della colpevolezza di Barra ed i fatti gli danno ragione. Il giorno successivo viene infatti ritrovato il corpo di un altro ragazzo affogato in una fontana di pietra. Gli abitanti di Accendurra cominciano a guardarsi con sospetto ed accentrano le loro attenzioni sia sulla cianara che sulla provocante e licenziosa nuova venuta.
Martelli continua le sue indagini, entrando in confidenza con il parroco Don Alberto Avallone (Marc Porel) che gli confida tutta la sua preoccupazione per le continue tentazioni a cui sono esposti i suoi giovani parrocchiani, tra riviste pornografiche, prostituzione e vizi come il fumo e l’alcol che sembra riescono a procurarsi con facilità.
EVdv9j8WsAALZAqLa conversazione tra i due viene interrotta da Patrizia che provoca entrambi giocando a fare la “puttanella” e accusando il parroco di ipocrisia ed il giornalista d’opportunismo.
Analizzando concretamente il comportamento della donna Martelli capisce che in fondo Patrizia è solo una ragazza come tante altre, annoiata dalla vita borghese costretta a vivere in città e che assume certi atteggiamenti solo per provocare il padre impegnatissimo uomo d’affari. 
La sera stessa Michele, uno dei ragazzi provocati da Patrizia con i suoi giochetti riceve una telefonata per recarsi ad un misterioso appuntamento nello stesso momento in cui Patrizia è al telefono di una cabina telefonica.
Quella notte Michele viene ucciso. Interrogata Patrizia mente dicendo di essere stata in viaggio tutta la notte e ai funerali di Michele, la madre del bambino comincia ad urlare di “avvertire” in chiesa la presenza dell’assassino proprio mentre la maciara fa il suo ingresso.
Rintracciata “la strega” grazie all’ausilio di una telecamera piazzata all’ingresso della chiesa la donna viene interrogata ed ammette in pieno delirio di aver ucciso lei i tre ragazzini perché l’avevano sorpresa mentre disseppelliva il cadavere del suo bambino morto misteriosamente anni prima (scena vista ad inizio film) e di averlo fatto con l’ausilio della magia nera. Dopo aver ascoltato la deposizione di un appuntato che aveva incontrato la maciara in un luogo diverso da quello degli ultimi delitti il magistrato la proscioglie da ogni accusa e la fa rilasciare.   
non-si-sevizia-un-paperino-florinda-bolkanGrazie alla telefonata anonima fatta dalla madre del parroco la folla inferocita scova la donna nel cimitero dove ha trovato rifugio e la uccide a colpi di pietra e di catene di fronte l’indifferenza dei presenti. Per quella gente ignorante e grezza la magia è stata la vera causa della morte dei tre ragazzi. 
Le indagini raggiungono un punto morto quando Patrizia confessa di aver effettuato la telefonata per contattare uno spacciatore di droga.
Chi è quindi l’assassino di bambini e che cosa ha a che fare con la testa staccata di un paperino di gomma (scena che non ho appositamente citato nella trama)?
La soluzione è già intuibile a metà pellicola, ma lascio a voi giungere alla conclusione.
I finali di un thriller non si raccontano mai.
Bastardo si, ma solo fino ad un certo punto!!
Non-si-sevizia-un-paperino-2Un cast di tutto rispetto per un film di tutto rispetto.
La storia è ispirata ad un fatto di cronaca chiamato all’epoca “la Strage degli Innocenti di Bitonto” dove tra il 1971 ed il 1972 vennero brutalmente uccisi 5 bambini e per quanto io ne sappia non si è ancora trovato un responsabile (sebbene molti furono i sospettati)

 
Lucio Fulci per me è sempre stato un grande punto interrogativo. Punto di domanda che non ha fatto altro che ingrandirsi dopo averlo conosciuto di persona (una decina di anni prima della sua dipartita) ed averlo frequentato in diverse occasioni. Lui stesso amava definirsi “Il Terrorista dei Generi” passando da commedie a thriller ad horror e sconvolgendone addirittura le trame.
Un regista capace di realizzare piccoli gioielli come questo “Non si sevizia un Paperino”, “Sette Note in Nero” e “Un Serpente dalla pelle di Donna” ad incomprensibili baggianate come “Il Diavolo nel Cervello” o “E tu vivrai nel Terrore…l’Aldilà” (tanto per citarne alcuni).
E’ pure vero che con il cervello non ci stava tanto…almeno quando lo conobbi io (il diabete lo minava da anni e l’abuso che faceva della cioccolata che adorava non gli era certo d’aiuto) eppure era capace di sfornare idee brillanti con piccole trovate geniali.
L’ho tanto amato quanto detestato.
Con questa pellicola ha realizzato una storia capace di toccarti nel profondo, accarezzando il tema della pedofilia (argomento proibitissimo in quegli anni) e quello di una lucida follia giustificata da una sorta di sacralità.
E qui mi fermo.


 

Relic

relic posterAUSTRALIA – 2020

cast: Emily Mortimer – Robin Nevin – Bella Heathcote – Chris Bunton – Jeremy Stanford
regia: Natalie Erika James
soggetto e sceneggiatura: Natalie Erika James
fotografia: Charlie Sarroff
musica: Brian Reitzell
durata: 90 min.
download
IFCMidnight_Logotype_2020DVD VIDEO BLURAY

VALUTAZIONE:
buono

coverlgEdna è un’anziana signora che vive da sola in una casa ai margini di un bosco, è un po’ svagata e a volte strana ma dolce e simpatica con tutti. Quando i vicini si accorgono della sua “scomparsa” si allarmano ed avvertono gli unici parenti rimasti: la figlia Kay e la nipote Sam che accorrono sul posto per constatare la situazione. 
Già dalle prime inquadrature s’intuisce visibilmente il distacco anaffettivo ed il disinteresse generazionale tra le protagoniste. Kay presa da un lavoro impegnativo, non conosce lo stato di salute della sua progenitrice che non vede da mesi  ed ignora le scelte di vita fatte dalla figlia Sam (nipote di Edna) che da parte sua risulta apatica e lontana da ciò che  contrariamente dovrebbe unire una famiglia.
Relic-04Non appena giunti a destinazione le due donne si accorgono delle stranezze all’interno della casa: strane macchie di muffa nera si sono formate su soffitti e pareti e diversi post-it sono attaccati in giro per la casa, alcuni con scritte strane ma innocenti come “Ricordati di chiudere l’Acqua” o “non scordare di fare la Spesa” altri con messaggi più inquietanti del tipo “Non Ascoltarlo”, “Non Seguirlo, vuole portarti via”, “Ignora la sua Ombra” e “E’ qui!”. Come se non bastasse l’atmosfera ha un che di torbido e “pesante” con una bassa illuminazione che fa virare i colori da un verde opaco ad un bluastro grigio. Tutto molto insolito dall’immagine solare che Edna trasmetteva con il suo temperamento artistico e creativo.
relic-1Tre giorni consecutivi di ricerche da parte della polizia e dei vicini non portano a nessun risultato concreto, fino a quando una notte Kay non si ritrova la madre in casa nel salone, in vestaglia a piedi nudi e sporca di fango che sussurra frasi sconnesse alla porta d’ingresso chiusa.
Dopo un bagno caldo ed un lungo sonno Edna sembra essersi ripresa; è sempre un po’ svagata ma più lucida, però ogni volta che figlia e nipote le chiedono dove e perché sia scomparsa in quei giorni la donna evita l’argomento ed, in più, nasconde ai loro occhi un grosso livido nero formatogli sul petto sinistramente simile alle macchie di muffa presenti a casa.
Ma il miglioramento dell’anziana signora è solo apparente: i cambi d’umore si fanno più frequenti, gli atteggiamenti più aggressivi ed i comportamenti più inquietanti e bizzarri (Sam sorprende la nonna che prima cerca di mangiare vecchie foto di famiglia poi di seppellire l’album dei ricordi nella foresta asserendo che così “Lui” non le avrebbe trovate e così sarebbero state al sicuro). La reazione dei famigliari ai disturbi mentali di Edna sono causa di incomprensioni e scontri: Kay, ansiosa di tornare a Toronto al suo lavoro di donna in affari e maldisposta al dover prendersi cura dell’anziana comincia a cercare un istituto dove farla ricoverare, mentre Sam decide di trasferirsi dalla nonna per poterla accudire e ristabilire un legame affettivo, nonostante la situazione sembra precipitare di ora in ora.
La casa perde di solarità, rumori e scricchiolii si avvertono nelle pareti, ombre fuggenti scivolano tra gli interstizi e le macchie di muffa si moltiplicano mentre il livido sul corpo di Edna di espande facendole imputridire il corpo.
2Sam scopre un ripostiglio dove sono ammassate vecchie cose scordate e frugando tra di esse trova un passaggio che la conduce in una “casa parallela” identica a quella della nonna, ma imputridita, buia e malvagia. Un tesseratto che cambia continuamente forma e dimensioni, dove porte svaniscono e muri compaiono in luoghi dove non dovrebbero esserci, mentre le pareti si restringono impedendole di trovare una via d’uscita.
Da “l’altra parte” Edna è ormai fuori controllo, trasformatasi in un incubo vivente che segue strisciando Kay  che tenta di sfuggirle mentre cerca di trovare la figlia Sam di cui avverte le urla terrorizzate attraverso le pareti.
Con un impeto materno ed un senso protettivo che non credeva di possedere Kay sfonda gli interstizi e libera la figlia.
Arrivate alla porta Kay si volta a guardare ciò che resta della madre Edna che rantolante cerca di raggiungerle, ha un ripensamento e dopo aver spinto
all’esterno Sam torna sui suoi passi.
relic-660x330-minRaccoglie il corpo rantolante della madre e con cura e delicatezza la porta al piano superiore, la distende sul letto e l’aiuta a liberarsi dei brandelli di carne marcia e i pochi capelli rimasti rivelando un esserino nero agonizzante e mugolante; si stende al suo fianco e comincia a carezzarla per darle conforto in quegli ultimi aneliti di vita.
Sam è ancora fuori dalla casa. Osserva le mura esterne e decide di rientrare, sale al piano superiore ed osserva la scena della madre accanto alla nonna e, silenziosamente si stende accanto a loro per carezzare Kay. Involontariamente scosta la camicia della madre e scorge una piccola macchia nera a forma di muffa che le si sta formando tra il collo e la spalla. La camera da presa si allontana con una ripresa dall’alto.
 
edna-kay-e-sam-nel-finale-maxw-697
Come ti creo un horror d’autore.
Uno dei motivi principali per cui mi sono appassionato al genere horror è stato perché (nella maggior parte dei casi) si è rilevato uno degli strumenti più ideali per affrontare tematiche e problematiche sociali e psicologiche su un piano metaforico che dava libero sfogo alle più svariate forme di interpretazione.
E questo è il caso di Relic.
unnamed (1) In questo film non si parla di possessioni, fantasmi o case infestate.
In questo pellicola la bravissima regista Natalie Erika James descrive l’orrore di qualcosa che (suo malgrado) si è trovata ad affrontare in seno alla famiglia.
In Relic il “mostro” è l’Alzheimer.
Il distanziamento affettivo tra le donne è il rifiuto di accettare qualcosa che è (probabilmente) destinato a trasmettersi geneticamente; la casa e i suoi cambiamenti sono l’interpretazione della psiche di Edna corrotta e destinata ad un inesorabile decadimento, così come il ripostiglio ed il tesseratto sono i luoghi dei ricordi ormai perduti dall’anziana signora come il gesto disperato di mangiare le foto o seppellirle non sono altro che il suo disperato bisogno di riuscire a conservare in sé qualcosa desinato a disperdersi nel nulla, mentre l’ottima fotografia  di Sarroff che passa da immagini solari ad ambientazioni cupe altro non è che l’artistica rappresentazione  visiva dei sempre più rapidi ed incoerenti stati mentali di Edna. Lui  (colui che non devi ascoltare né seguire) è l’Alzheimer: la mostruosa creatura che non si può combattere, esorcizzare e, purtroppo, ancora non è possibile sconfiggere.
La scena finale è la dolce consapevolezza che un allontanamento affettivo non può e non riuscirà mai a proteggere nessuno da un comune destino.

Il Relic citato nel titolo sarebbe la vetrata (vedere locandina) affissa alla porta d’ingresso, unico oggetto sopravvissuto all’abbattimento di un vecchio casale prospiciente alla casa dove era stato relegato, abbandonato e lasciato morire di stenti il nonno di Edna perché definito un demente “fuori di testa”.
Un monito. Un destino. 

Pete Walker: L’Uomo dei Peccati Mortali – La Casa del Peccato Mortale

517s9qA6kwL
HOUSE OF MORTAL SIN aka THE CONFESSIONAL
UK – 1976

cast: Anthony Sharp – Susan Penhaligon – Stephanie Beachman – Sheila Keith – Norman Eashley
regia: Pete Walker
soggetto: Pete Walker
sceneggiatura: David McGillywray
fotografia: Peter Jessop
musica: Stanley Myers
durata: 104 min.
golem dvdDVD VIDEO

 

VALUTAZIONE
Discreto 1/2

 

Sin

Padre Meldrum (un magnifico Anthony Sharp) ha dovuto rinunciare ad una vita normale ed indossare l’abito talare per continuare a prendersi cura dell’anziana madre folle costretta su una sedia a rotelle, che lo esaspera  con i suoi deliri sull’oscenità del sesso e di tutte le sue manifestazioni espresse dai comportamenti disinibiti dei giovani allo scopo di tenerlo sempre più legato a lei.
unnamedLa pazzia, si sa, è contagiosa e si evolve in forme psicotiche ed incontrollabili, così come diventa incontenibile l’ossessione ed il disgusto del prete nei confronti delle donne, alimentato dal represso desiderio sessuale che prova per loro. In un eccesso di furia uccide la madre, ma questo non fa che degenerare la situazione spingendolo a deliri allucinatori mascherati ed assecondati dalla vecchia governante orba (l’attrice Sheila Keith presente in quasi tutti i film di Walker) segretamente innamorata di Meldrum da anni. 
La follia omicida esplode quando la giovane Jenny, che attraversa un periodo di crisi sentimentale, si reca in chiesa ed ha la sfortuna di andare a confessarsi proprio da Meldrum. Il prete s’innamora di lei e decide di “punire” tutti coloro che reputa i responsabili dei “tormenti” e dei “desideri” della ragazza.  
sin_2Protetto dall’abito talare che indossa e dalla complicità della governante il prete da libero sfogo alla sua violenza più crudele compiendo una serie di omicidi (se non sbaglio sei) usando strumenti consoni al ruolo di “sacro vendicatore” che riveste: ostie avvelenate, calici e crocifissi.
Nessuno prova a mettere in dubbio la sua innocenza su quanto avviene e chi nutre qualche sospetto è destinato ad una fine impietosa ed inevitabile.
Finale aperto che non rivelo per non togliervi il piacere di gustarvi un film che nonostante i 100 minuti di durata scorre abbastanza piacevolmente.
la-casa-del-peccato-mortale-14Era un bel po’ che non spettegolavo su Pete Walker, l’artigianale contorsionista che piroettava con nonchalance tra l’erotichorror ed il sexploitation con prodotti provocatori low budget che non mancavano di scandalizzare il bigotto perbenismo inglese (e che per questo nutre di tutta la mia simpatia).
Dopo aver lanciato i suoi j’accuse alle istituzioni politiche e le ignominie familiari, non poteva di certo esimersi (immagino con gran piacere) di affondare il dito nella piaga purulenta  delle mafie religiose. Gli elementi ci sono tutti: un prete viscido, tanto sgradevole quanto pericoloso, una perpetua sadica e morbosa, un sistema clericale che tende ad insabbiare e fingere di non sapere (un po’ come ai giorni nostri, insomma).
Rimediate il DVD e a voi l’ardua sentenza.
P.S. il film si trova anche in versione completa in italiano e aggratise su youtube!!