Echi Mortali

echimortaliStir of Echoes
USA – 1999

cast: Kevin Bacon – Illeana Douglas – Kathryn Erbe – Zachary David Cope – Conor O’Farrell – Jennifer Morrison – Kevin Dunn
regia: David Koepp 

soggetto: tratto dal romanzo “A Stir of Echoes” di Richard Matheson
sceneggiatura: David Koepp
fotografia: Fred Murphy
musica: James Newton Howard
d
urata: 99 min.
230108-foxlogo

VALUTAZIONE:
corvi07 1/2


ci_echi1

 Tom Witzky (Kevin Bacon) è un uomo ordinario, che vive in modo ordinario, ma non troppo contento della sua ordinarietà.
Di lavoro fa “l’uomo dei fili”, nel senso che è uno di quegli omini che si arrampicano sui pali del telefono per riparare i guasti alle linee, una moglie innamorata anche se un po’ tormentosa e un figlio fuori dall’ordinario di cui, però, i genitori non sembrano cogliere la straordinarietà.
Da poco tempo Tom ha anche una nuova casa (in affitto), una villetta nei sobborghi di Chicago, in un piccolo quartiere modesto ma pulito, dove gli abitanti fanno del loro meglio per costruirsi una dignità di classe e questo per l’uomo significa nuove preoccupazioni e la necessità di avere più soldi.
Per forza di cose Tom Witzky deve vivere, pensare ed agire in maniera concreta, ma sarà proprio questo suo esasperato bisogno di certezze a rivelarsi una grossa fonte di guai.
stir of echoesIn una serata con amici, tra nà biretta e nà canna, la cognata Maggie (Illeana Douglas) lo accusa di avere una visione della vita un po’ troppo pragmatica e lo sfida a sottoporsi ad una seduta d’ipnosi (argomento della serata) per dimostrare di non essere una persona manipolabile tanto quanto gli altri.
Maggie ipnotizza Tom e gli fa fare la figura del cretino, ma il danno non è solo nell’orgoglio ferito dell’operaio quarantenne, perché c’è anche altro.
C’è uno spiraglio. Una porta lasciata socchiusa nell’inconscio di Tom da cui comincia a fare capolino qualcosa. Una nuova capacità di percepire le cose; un nuovo modo di vedere il mondo…e ciò che è rimasto imprigionato tra una realtà ed un’altra.
stirofechoes003ao5


richard-Matheson

Richard Matheson (1926/2013) ovvero: L’Orco Buono.
Ho un debole per Richard Matheson, quasi un’insana passione. Sarà perché ho passato buona parte della gioventù divorando le sue parole cosi semplici, dirette, spesso dolci, ma inquietanti; o perché la mia adolescenza è stata costellata da film che, in una forma o nell’altra, portavano il suo tocco e la sua firma. Qualunque sia il motivo, ho amato ed amo Matheson che, statistiche alla mano, è stato, e probabilmente sarà ancora per molto tempo, l’autore più “saccheggiato” dal cinema e la televisione, anche se con esiti spesso deludenti. Vampirizzato da Sterling nei suoi “Ai Confini della Realtà”; usato come trampolino di lancio da Spielberg con “Duel” (che in seguito lo omaggiò con il film “Ai Confini della Realtà” 1983) ; arruolato da Corman per il restyling di alcuni classici di Poe (recitati dall’altra mia icona Price); sfruttato beceramente in squallidi tentativi di blockbuster (vedi film come “The Box” e l’ignobile “Io sono Leggenda”) e fonte d’ispirazione per registi come Romero che grazie alla rielaborazione di “I’m Legend” creò “La Notte dei Morte Viventi” credo sia impossibile non trovare una traccia di lui nella cinematografia dagli anni ’50 (“Radiazioni BX: Distruzione Uomo” 1957) ad oggi (“Real Steel” 2011).
33553“Echi Mortali” non fa eccezione alla regola.
Tratto dal romanzo “A Stir of Echoes” (Io sono Helen Driscoll) del 1958 il film cerca di sfruttare al meglio le atmosfere letterarie del libro, provando a distaccarsi da una trama che, oggigiorno, avrebbe fatto meno presa sul pubblico.
Così, l’interprete principale si trasforma da agente immobiliare a operaio dei telefoni; la provincia californiana diventa un sobborgo di Chicago e l’arrogante cognato Phil si trasmuta nella petulante, ma simpatica, ex hippy Maggie (una validissima Illeana Douglas). Anche l’arco temporale subisce una variazione e dagli anni ’50 si passa ai giorni nostri, anche se certe volte si ha come l’impressione che la location rispecchi molto la fine degli anni ’70.
Nel’insieme David Koepp da vita ad un film di tutto rispetto, riuscendo a ricostruire sequenze dal geniale immaginario dello scrittore (tutta la scena della seduta ipnotica) e distaccandosene con furbizia nei punti in cui la resa cinematografica sarebbe stata inferiore a quella letteraria.
Il Tom Witzky del film non ha nulla a che spartire con il Tom Wallace del romanzo; ama poco o niente il suo lavoro ed è in conflitto con la sua quotidianità, fatta di bollette da pagare e di soldi che non bastano mai. Un personaggio che assume spessore grazie anche alla grande interpretazione di Kevin Bacon che grazie proprio a questo film ebbe una sorta di rilancio verso il grande pubblico.
Da bravo sceneggiatore Koepp sviluppa con eleganza le diverse sottotrame del romanzo senza far intrecciare i fili e lasciando respiro ai vari personaggi dando vita ad una ghost story basata su suspense e colpi di scena calibrati.
Unica pecca? Quello di essere stato distribuito quasi in contemporanea con il più pubblicizzato “Sesto Senso” che, ovviamente, lo ha messo in ombra.

Annunci

Dark Touch

dark_touch_xlgFRANCIA /SVEZIA /IRLANDA – 2013

cast: Missy Keating – Marcella Plunkett – Clare Barrett – Padraic Delaney – Robert Donnelly – Charlotte Flyvholm – Ella Hayes – Richard Dormer
regia: Marina de Van
soggetto e sceneggiatura: Marina de Van
musica: Christophe Chassol
d
urata: 91 min.

INEDITO


note_990_imageEra il 2002 e tra me e Marina de Van fu amore a prima vista…certo, lei neanche sa che esisto, ma poco importa, e a distanza di più di 10 anni, e dopo aver visto questo film, non posso che rinnovare il mio impegno d’amore nei suoi confronti. La mia non è attrazione carnale (oltretutto non è neanche il mio tipo) e non conosco molto il suo excursus d’attrice, ma sono innamorato del suo modo di scrivere il cinema e della sua capacità nel dirigere quello che crea. E quando penso al nuovo cinema francese mi viene in mente lei; a come ha saputo raccontare con intelligenza (e morbosità) il percorso di una malattia che ha rischiato di distruggerla (“Dans ma Peau” 2002) e di come ha esorcizzato il disagio dei suoi tumulti interiori rappresentandoli con una trasformazione psicofisica tutta al femminile (“Ne te Retourne pas” 2009). Morte e Rinascita…e non sempre la “rinascita” porta con sé l’evoluzione. Diversi si, ma non migliori.
Marina sa essere tagliente e delicata ed ha analizzato con precisione chirurgica il suo essere donna, racchiudendo in confini onirici le fragilità, la determinazione, le paure e le difficoltà di un tormentato mondo al femminile. Lucida ma trasognata, come in un sogno anzi, un incubo, ad occhi aperti.
107302_galCon Dark Touch ha allontanato l’obiettivo da sé stessa per puntarlo su una malattia sociale tanto insidiosa quanto purulenta e morbosa: l’abuso sui minori; e lo fa attraverso un racconto cupo narrato con immagini dirette, ma mai esplicite e ritmato da una musica ipnotica ed oscura come una ninna nanna cattiva. Per la natura degli avvenimenti ed alcune risoluzioni filmiche è facile cogliere i lontani eco di film come “Carrie” e “Come si può uccidere un bambino?”, ma il parallelismo è effimero e vago, perché quello che in realtà de Van vuole mostrarci è il doloroso “disagio” interiore di Neve (Niamh), la giovane (inconsapevole) protagonista di un dramma che affonda le sue radici nel luogo che, au contraire, dovrebbe rappresentare il porto sicuro di ogni bambino: la famiglia.
For-SeanEd i frutti che saranno generati saranno pregni di astiosa e vendicativa violenza. Neve non capisce cosa (le) sta accadendo, né può essere consapevole della sua orribile reazione di difesa in un mondo che non comprende ma percepisce come aggressivo; e come ogni buon dramma che si rispetti l’epilogo sarà un disperato gesto di espiazione per colpe mai commesse e torti ingiustamente subiti.
Probabilmente sarò di parte, ma personalmente inserisco “Dark Touch” tra le più valide darkstory dell’ultimo decennio ed un plauso va alla dolce ed inquietante Missy Keating (figlia del Ronan Keating dei Boyzone) che in alcune espressioni mi ha tanto ricordato una giovane Jennifer Connelly, ma con maggiore empatia interpretativa.
107299_gal
“Non vuoi dare il bacio della buonanotte alla mamma?….”

 Potrei scrivere ancora per ore su questo film e sulla sua genesi, ma straborderei nel nozionismo più becero ed inutile.

corvi081/2

Shadow People

Shadow People [Sub-ITA][2013]aka The Door
USA 2012

cast: Dallas Roberts – Alison Eastwood – Anne Dudek – Mariah Bonner – Chris Berry – Jonathan Baron
regia: Matthew Arnold
sceneggiatura: Travis Rook – Matthew Arnold
musica: Corey Wallace
durata: 89 min
INEDITO


7742_3Charlie “Crowe” Camfield ha una vita piatta ed un lavoro banale come  speaker radiofonico di un programma notturno in una piccola cittadina, ma la sua esistenza ha un’improvvisa impennata quando una notte Jeff, un 17enne all’apparenza paranoico e dissociato, gli telefona in trasmissione affermando di essere perseguitato dalle “Ombre”.
Charlie “taglia corto” e chiude la telefonata convinto si tratti del solito teenager un po’ “schizzato”, ma cambia idea quando il mattino successivo trova fuori la porta di casa una busta con dei documenti. Si tratta di informazioni e fotografie riguardanti degli studi effettuati negli anni ’70 da un certo professor Aleister Ravenscroft e disegni tutti incentrati su inquietanti ombre dall’aspetto minaccioso. Quando quella sera Jeff telefona di nuovo Charlie decide di dargli spago nella speranza di saperne di più su quegli esperimenti e d’innalzare il picco della audience del programma.
Il ragazzo è in preda al panico ed asserisce di essere minacciato da figure che lo4059907274_cbfa26d456_z spiano, mischiandosi con il buio e le ombre, in attesa che si addormenti per ucciderlo. La telefonata assume toni isterici e culmina nel momento in cui Jeff dice di avere con se una pistola e successivamente si sente un colpo di arma da fuoco. Per fortuna il ragazzo non si è ucciso ma ha sparato un colpo a vuoto e viene subito rintracciato dalla polizia e ricoverato in ospedale per accertamenti. Charlie viene convinto dalla Produzione a recarsi a far visita a Jeff, per fugare ogni dubbio di una “bufala” ordita dall’emittente e dare un’altra spinta allo share, ma quando lo speaker giunge all’ospedale l’infermiera di turno lo informa che il ragazzo è inspiegabilmente morto nel sonno.
Sempre più convinto della connessione dell’episodio con gli incartamenti riguardanti Ravenscroft, Charlie comincia ad indagare e a diffondere le sue teorie durante le trasmissioni.
E le inspiegabili morti notturne si moltiplicano.


L’idea di base, cioè creare una connessione con il fenomeno della “Sindrome della morte notturna improvvisa ed inspiegabile” (che ebbe un suo impressionante picco negli anni ’70) con il mito del “Popolo Ombra” (che ha una miriade di fanatici sostenitori) non era poi malaccio, purtroppo, come spesso accade, il regista mette troppa carne al fuoco; la storia prende mille direzioni e non arriva da nessuna parte. I personaggi non sono approfonditi e non bastano gli spezzoni delle pseudointerviste reali che si infiltrano nella trama per dare uno spessore a qualcosa che risulta bidimensionale ed inconcludente. E poi, alla fine, una sottospecie di teoria la vuoi accennare? Chi sono questi del Popolo Ombra: Alieni? Fantasmi? Creature di altre dimensioni? Molisani in trasferta?
Non pessimo, ma un’altra occasione sprecata. E la faccia di cera di Dallas Roberts non aiuta.

mediocre

The Haunting in Connecticut 2: Ghosts of Georgia

the-haunting-in-conneticut-2-ghosts-of-georgia-posterUSA 2013

cast: Abigail Spencer – Katee Sackhoff – Emily Alyn Lind – Chad Michael Murray – Grant James – Lance E. Nichols – Cicely Tyson
regia: Tom Elkins
soggetto e sceneggiatura: David Coggeshall
musica: Michael Wandmacher
durata: 94 min
INEDITO


c6b50_image

Lysa (Abigail Spencer)“vede le cose”.
Vede le cose e sente voci.
Ma non è la sola. Anche la madre (ora defunta) aveva lo stesso problema, ed anche sua sorella Joyce (Katee Sackhoff), che è convinta si tratti di un dono speciale.
Lysa invece rifiuta spiegazioni esoteriche e parapsichiche e si rifugia (proprio come la madre) nella ferrea convinzione di essere affetta da un qualche disturbo neurologico che le provoca allucinazioni. Visioni che lei allontana con psicofarmaci che non fanno altro che indebolire la sua psiche e ad allontanarla dalla famiglia.
Poi, per motivi ignoti allo spettatore, Lysa, il marito poliziotto Andy (Chad Michael Murray) e la figlia Heidi (Emily Alyn Lind) si trasferiscono nel profondo della Georgia (e allora che c’entra il Connecticut del titolo?) e vanno a vivere in una casa “storica” sperduta nella boscaglia.
E qui anche Heidi comincia a soffrire degli stessi disturbi della madre, avvertendo lamenti e voci che la supplicano di aiutarli, percependo fuggevoli e sinistre presenze all’interno della casa e nel bosco e, come ciliegina nella torta, c’è anche la materializzazione di mr. Gordy (Grant James), un vecchio vestito di nero che ammonisce la bambina avvertendola di  ultraterreni e mortali pericoli che incombono sulla casa.
Naturalmente Lysa non crede alla figlia (o non vuole crederle) e solo con l’aiuto della zia Joyce, la piccola comincia a prendere coscienza del proprio dono.
katee_medPoi le cose si fanno sempre più difficili. La stessa Joyce (che nel frattempo si è trasferita in una roulotte/baracca sulla proprietà della sorella) viene disturbata da visioni e messaggi dell‘altromondo e Lysa passa notti agitate sconvolta da incubi orribili mentre si accentuano le apparizioni dello spettro della madre che la implora di accettare questa sua speciale capacità e di farla sua.
HauntingConnecticut_620_121212Quando poi Andy e Lysa vengono a conoscenza attraverso il pastore della cittadina (Lance E. Nichols) che mr. Gordy non è un “amico immaginario” di Heidi, ma l’ultimo proprietario della casa deceduto negli anni ’70, la situazione precipita.
Cosa nasconde la casa georgiana usata ai tempi della Secessione come stazione della ferrovia sotterranea per dare rifugio e via di scampo agli schiavi neri in fuga?
thumbnail_8822


Di film su haunted houses e possessioni (spiritiche o demoniache che siano), con persone dotate di shining o “velo” (come viene chiamato qui) se ne fabbricano ormai un tot al chilo e l’America sembra esserne la principale catena di montaggio.
Nonostante ciò non mi sento di essere impietoso nei confronti di un prodotto girato con onesta dignità.
La trama ha una sua solida struttura, costruita su una prima parte impreziosita da una buona atmosfera e l’escalation finale che mantiene un ritmo calibrato, il tutto inframezzato da sprazzi di tensione distribuiti al momento giusto.
Buona anche la recitazione con la piacevole sorpresa di vedere una Katee Sackhoff (conosciuta come la cazzutissima Skorpio nel serial Battlestar Galactica) destreggiarsi in un ruolo fuori dai suoi canoni e la soddisfazione di vedere la giovane Emily Alyn Lind risultare credibile (e simpatica) nella parte della piccola Heidi (solitamente detesto gli “enfant prodige” infilati a forza nelle pellicole di genere).
Certo, da qui a definire “Ghosts of Georgia” un capolavoro troppo ce ne vuole, ma si riesce a passare un’ora e mezza senza sbadigliare o distrarsi dai dialoghi o dalla trama.
E a voler dar credito alle foto snocciolate sui titoli di coda del film sui veri personaggi della storia (defunto mr.Gordy compreso) sembrerebbe (ma il condizionale d’obbligo) che la dicitura Based on a true Story questa volta non sia mendace.
P.S. il primo “Haunting in Connecticut” da cui il film ruba parte del titolo altri non è che “Il Messaggero” (2009) di Peter Cornwell.
ariP.S.
questo è il primo film da regista di Tom Elkins che ha invece lavorato al montaggio de “Il Messaggero” (ma guarda un po’) e collaborato con Betancourt sempre al montaggio di “The Apparition” (2012) (qui)

Discreto

E se Oggi…fosse già Domani

e_se_oggi_fosse_gi_domani_david_hemmings_kevin_billington_001_jpg_kzsx(Presenze)
“Voices” aka “Nightmare” – UK 1973

regia: Kevin Billington      durata: 91min
cast: David Hemmings – Gayle Hunnicutt – Lynn Farleigh – Peggy Ann Clifford – Adam Bridge


01Claire (Gayle Hunnicutt) e Robert (David Hemmings) sono una giovane coppia innamorata, ma come si sa, la felicità è cosa effimera (specie nei film horror) e la tragedia incombe e colpisce nei momenti più inaspettati; così, durante una scampagnata romantica, dove i due si appartano per abbandonarsi ad effusioni amorose, il loro figlioletto di quattro anni si allontana ed affoga nelle gelide acque di un fiume.
Il dramma sconvolge al tal punto Claire da spingerla a servirsi di sensitivi e medium per trovare la pace interiore attraverso il contatto con l’anima del figlio, ed il passo successivo è il tentativo di suicidio ed il ricovero, una volta scampato il pericolo, in una clinica psichiatrica per un forte esaurimento nervoso.

02

Inutile dire che il rapporto tra i due s’incrina ed il matrimonio rischia di andare in rovina, ma Robert non vuole arrendersi  e mesi dopo propone alla donna una breve vacanza per cercare di ricostruire il loro rapporto e rinnovare un amore ormai spento.
Scampati per miracolo ad un incidente d’auto per colpa della nebbia i due raggiungono a piedi la villa vittoriana sperduta nella campagna inglese affittata dall’uomo e da lì i due ricominciano a delineare le prospettive per un nuovo futuro insieme.
All’inizio tutto sembra andare bene, poi Claire ricomincia ad avere allucinazioni: sente rumori, voci infantili e percepisce ombre fuggevoli. Robert si convince che per la donna ormai non vi sia più speranza, finché anche lui non comincia a rimanere vittima della stessa psicosi (?).

Un imprevisto finale svelerà il mistero che li avvolge e li coinvolge.

03


Anni 70, produzione britannica e un film fantasmatico. Bastano questi tre elementi per fare di questo “Voices” un prodotto robusto e di impatto.
Certo, il ritmo a volte è lento, la parte centrale è ritmata come il tocco di un vecchio pendolo inglese, ma la recitazione è di tutto rispetto, le caratterizzazioni dei personaggi accurate e la tensione ha un suo sinistro crescendo che culmina con il finale originale ed accattivante.

Si può tranquillamente affermare che senza una pellicola come questa film come “il Sesto Senso” (The Sixth Sense 1999)  e “The Others” (2001) forse non esisterebbero.

Discreto

Questo è il film completo!